`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´

Autore disco:

John Zorn Acoustic Masada

Etichetta:

Auditorium di Roma [Cavea]

Link:

Formato:

concerto

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

Durata:

Con:

John Zorn, Dave Douglas, Joey Baron, Greg Cohen

i quattro uomini saggi

x Lorenzo Gabriele

John Zorn veste un paio di pantaloni (mimetici con delle fastidiose stringhe appese) e una polo lisa (è sempre vestito così). Non è un esempio di eleganza, è piuttosto trasandato; sul palco si trova a suo agio, nel senso che a volte nemmeno sembra che pensi di stare su un palco.
Dave Douglas è minimale quanto basta riguardo alla sua figura esteriore: look essenziale e posa raccolta mentre suona. Non è mai fuori posto, non fa un passo falso, sul palco come nella musica.
Greg Cohen è uno spilungone bonaccione, lui sì che ti dà gusto nell'osservarlo: con il suo movimento dinoccolato, la camicia bianca e larga dalle maniche penzolanti, si avvinghia di fatto al suo faticoso strumento.
Joey Baron è un piccolo elfo pelato, la faccetta furba e maliziosa, vestito da cameriere, suda e si asciuga allo stesso tempo grazie all'aiuto delle sue nove braccia.
Cosa potreste aspettarvi da quattro tipini così? Il meglio.
Masada è veramente una 'fortezza', anche se qui l'ortodossia musicale ebraica e medio-orientale è frammista a stilemi tipici del free-jazz/black-power dei '70 (leggi Ornette) e del rock, a differenza degli avi Zeloti, durissimi e purissimi nelle loro convinzioni. E' una fortezza perchè, ormai sulla scena da più di 12 anni, questo progetto costituisce una delle poche certezze che ci rimangono in questo mondo oscillante e randomico.
Ed è per questo che mi reco per la seconda volta ad assistere al live di questi incredibili musicisti, nel sostanziale e sostanzioso scenario della Cavea dell'Auditorium di Roma: un palco immenso, tutto grigio; al centro, raccolti come a volersi concentrare tra di loro e avvincere vicendevolmente dai loro futuri disegni sonori, i quattro piccoli alfieri della cultura ebraica nel panorama della musica occidentale; le luci minimali e attentamente puntate su di loro. Silenzio assoluto.
La prima nota pesa sempre 80 Kg. Ti ci vuole un po' per digerirla e capire che ormai, come l'altra volta, sei stato ancora risucchiato nel vortice roteante e variegato per emozioni, colori, echi di suoni lontani e ombre di urla vicine, il vortice prodotto dalla voce dei loro strumenti, lancinante o soffice a seconda del caso.
E da lì tutto scorre veloce e quasi indolore attraverso le due tipiche forme di un brano masadiano: la prima aggressiva, veloce, sghemba, rutilante, a tratti violenta, sale e scende e ti colpisce in faccia grazie alle grandi capacità ritmiche di Greg e Joey e a quelle improvvisative di sfondamento di John e Dave. La seconda ti culla attraverso cellule ritmiche e melodiche tipiche della musica medio-orientale (scale orientali, modo frigio e tipici controtempi tra quick e slow, un po' come nel tango) ma davanti alle quali il compositore Zorn non si arrende, dandoti sempre schiaffetti ritmici sbilenchi che ti fanno sorridere e rammaricare mentre sogni.
Tutto questo è tenuto saldamente in pugno dalla mimica gestuale di quel pignolo di merda di Zorn il quale dirige mentre suona, suona mentre dirige, dirige e basta, suona mentre gli altri suonano, da dei segnali chiarissimi con lo strumento (un po' come il Miles di Spanish Key), la voce, la mano e nel fare tutto questo, pensate, suda! Intendiamoci: Zorn è compositore, direttore, arrangiatore ed esecutore di questo gruppo, ormai possiamo dirlo, storico e fondamentale. Ma non avrebbe volato così alto se:
- Dave Douglas non avesse avuto quella compostezza nell'accompagnare alla tromba il dimenarsi epilettico del sax di Zorn e non fosse stato l'artefice di quegli sprazzi melodici e armonici improvvisativi che ti fanno gridare al miracolo: lui va dove vuole, fa quello che vuole ma rispetta sempre gli spazi e i tempi musicali di tutti, tanto da farti pensare che le cose che improvvisa se le scriva prima di venire, in autobus.
- Joey Baron non fosse stato quello che è da sempre: un trattore ritmico e un cantore della batteria. Incredibile l'uso delle più diverse timbriche tra tamburi, bastoncini, fruste, spazzole, mani e stecche. Ma altrettanto abbacinante la lucidità e la passione nello scorporare ritmicamente in ogni modo possibile una frase in quel momento dettata dal contrabbasso del povero Greg.
- Greg Cohen non resistesse ogni volta agli assalti ritmici dettati da Zorn ed eseguiti da Baron in maniera ineccepibile, spesso cavalcando questo treno a vapore e imponendosi con i suoi walking funambolici ma sempre armonici (in tutti i sensi), venendo fuori come l'arcobaleno dopo la pioggia quando il tema del pezzo è affidato alla voce umana e disperata del suo contrabbasso, strumento del quale è un atletico poeta.
Grazie a questi magnifici quattro la serata di ieri (come quella di un anno fa) è stata un sogno. Ma ogni sogno dura e deve durare poco: il perfezionista Zorn suona per un'ora spaccata, poi rientra per il bis previsto. Altri dieci minuti e via ancora, stavolta per sempre dato che Baron smonta il leggio.
Solo la folla accorsa nella calda serata di Luglio, con la sua ovazione continua, costringe i quattro a concedere un ottimo tris che appaga finalmente gli animi voraci. Tutti via a bere birra e a fare l'amore, ma non prima di aver strappato quattro autografi ai protagonisti apposti sulle pagine del bellissimo booklet del mio Sanhedrin (1994-1997, Unreleased Studio Recordings, Tzadik 2005) e farmi una foto con il mio amico John: io sono venuto male ma lui risulta più brutto. Grazie.
Masada in fin dei conti è come il buon vino: una volta che l'assaggi sai com'è, sai che ti piace e ogni anno che passa e invecchia è sempre migliore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/10/2006
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´