`Gratitude´

Autore disco:

Martina Verhoeven

Etichetta:

13 (I)

Link:

13.silentes.it

Formato:

BOOK + CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Gratitude

Durata:

32:20 + 60 pag

Con:

Martina Verhoeven

regalo di Natale

x mario biserni (no ©)

Fra poco è Natale, e con il Natale arriva il tempo dei regali. Sono certo che anche chi non crede alle favole del bambin gesù e/o di babbo natale un regalino di Natale lo fa e lo riceve con piacere. Quale regalo può essere migliore, allora, di un bel libro fotografico con allegato un CD di musica per pianoforte, laddove le note carambolano l’una sull’altra come fiocchi di neve decembrina.
Martina Verhoeven - fotografa, bassista e pianista di nazionalità belga – è sposata con il noto Dirk Serries (aka Vidna Obmana, il quale ha firmato la nota introduttiva) e ha già pubblicato vari dischi in collaborazione con il marito e/o in gruppi che comprendevano entrambi, ma “Gratitude” è il suo primo lavoro solista.
Le 36 foto sono tutte primi piani in bn su fiori, brine e foglie di piccole piante grasse. In parte già utilizzate come immagini nelle confezioni di alcuni dischi, riflettono tutte una sensibilità tipicamente femminile, quella sensibilità che l’ingresso della donna come soggetto attivo nei meccanismi sociali speravo di vedere riflessa negli stessi. Purtroppo la dura realtà mi ha profondamente deluso, dal momento che l’auspicata femminilizzazione della società non è affatto avvenuta e, viceversa, stiamo assistendo a una maschilizzazione della donna stessa. Torniamo però a “Gratitude”, e nello specifico al CD, dove una musica minimale e cageana, naïf e povera di suoni come un carillon, riflette d’appieno il carattere delle foto.
Il titolo è perfetto se volete fare un regalo che rifletta un ringraziamento o, comunque, della gratitudine per il destinatario. Può comunque adattarsi a qualsiasi altra situazione. Io, per fare un esempio, l’ho regalato a me stesso. E ne sono profondamente soddisfatto.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/12/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´