`Do. So´

Autore disco:

Rolando René

Etichetta:

Torto Editions (I)

Link:

www.torto.biz/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

Cyan Side - [I] Vecchi Umani: 1) Ghiaccio 2) Cammina 3) Antenati 4) Canopea 5) Sott’acqua 6) Di Corsa [I I] Élégies au cœur dur: 7) CD 8) VB
Magenta Side - [I] Suite De Danses Moyennes: 1) Belzé A Une Jambe Courte 2) Valse Du Laveur De Vitres 3) Tango Coulant 4) Danse Carrée Aux Couteaux 5) Shake / Tremante [I I] : 6) Dans Ma Tête

Durata:

36:55

Con:

Tommaso Rolando, Jean René

un disco fuori dagli schemi

x mario biserni (no ©)

Credo che tutti, a dispetto di una memoria storica estremamente abbreviata, si ricordino dei Calomito. Chi non se li ricordasse può comunque fare affidamento sulle memorie digitali. Andando così a rovistare fra le note che accompagnavano i dischi di quella straordinaria combriccola scoprirete – o riporterete alla memoria – il nome di Tommaso Rolando che, già al tempo come ancor oggi, ricopriva il ruolo di bassista. Più complessa appare la ricerca a proposito di Jean René, l’altro componente di questo duo, violista canadese prossimo a etichette come Ambiance Magnétiques e Constellation (o ai musicisti che pubblicano per tali etichette). Esperienze diverse, forse lontane, che confluiscono in questo singolare progetto. I due, qui al primo atto registrato della loro collaborazione, evitano eccessivi spunti di classicismo, comunque presenti e inevitabili vista la formula strumentale contrabbasso – viola, per dedicarsi a un’idea contaminatoria fra musica contemporanea e improvvisazione di stampo iazz. Non vorrei fare torto ai due citando a mo’ di paragone alcuni gruppi guidati da tal Maarten Van Regteren Altena, chi si ricorda dello splendido “Op Stap” pubblicato su Claxon oltreché di uno splendido concerto pisano, ma il raffronto mi sembra più che corretto. “Do. So” è un disco singolare, fuori dagli schemi e dalle correnti più o meno dominanti, mal collocabile e, in quanto tale, molto appetibile presso quella frangia di lettori più avventurosi e alla ricerca di opere poco ortodosse. Il vinile è racchiuso in una busta con la riproduzione di un bell’olio su tela astratto firmato da Paul Goodwin, un pittore inglese che ha soggiornato a lungo in Italia, è accompagnato dal link per il download, ed è diviso in un lato cyan e in un lato magenta.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/11/2019

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´