`Anna´

Autore disco:

Angelo Bignamini

Etichetta:

Staaltape (D)

Link:

staaltape.wordpress.com/
staaltape.bandcamp.com/album/anna

Formato:

MC

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1 - 8) Senza titolo

Durata:

36:33

Con:

Angelo Bignamini

autentico cinema per le orecchie

x mario biserni (no ©)

Riporto di nuovo quanto mi scrisse Rinus Van Alebeek a proposito delle mie recensioni a “Katacombe Vol.3” e “In Vivo”: «La pubblicazione delle due cassette è tutto merito di Geert-jan Hobijn, il padrone di staalplaat. Ha fatto anche il disegno. Ho incluso le due cassette nella busta per fargli un favore».
La busta a cui Rino fa riferimento conteneva chiaramente anche una cassetta da lui prodotta sulla quale, dopo averlo annunciato da tempo, mi accingo adesso a stilare alcune impressioni a uso e consumo di chi ci legge.
“Anna” di Angelo Bignamini è una cassetta prodotta in edizione limitata di 40 pezzi e venduta anche, chiaramente in numero di copie illimitato, in versione digitale su Bandcamp.
Suoni, voci e rumori per otto miniature di musica concreta, composte fra Febbraio e Agosto del 2021, o meglio per una serie di quegli assemblaggi che i francesi di Metamkine a suo tempo definirono felicemente come «Cinéma Pour L’Oreille». In pratica si tratta di un montaggio di suoni catturati nel quotidiano che ci circonda.
Le cassette sono alterate da quello che definirei come il “carico da 11” in grado di rendere unica ognuna delle 40 copie. Si tratta infatti di cassette non vergini ma recuperate da un loro utilizzo precedente e riciclate. Questo aspetto pone in essere varie questioni che vanno dall’utilizzo dei materiali riciclati alla storia che sta dietro alle singole cassette, ognuna delle quali dovrebbe suonare in modo diverso dalle altre a causa del suo differente background.
Chiaramente lo stesso ragionamento non vale per le copie scaricate da Bandcamp, ma nulla vi vieta di riversarle su una cassetta già registrata in modo da realizzare la vostra copia personalizzata.

Prossimi top: “Gro Mig En Blomst” // “Skærsgårdslyd” di Astrid Øster Mortensen; “Historic Music Past Tense Future” di Brötzmann, Graves & Parker; “PAN Project” del PAN Project Ensemble; “In Otherness Oneself” // “Soothe My Soul, Feed My Thought” di Kaja Draksler; “Run, The Darkness Will Come!” // “Fetzen Fliegen” // “Two Sides Of The Moon” dei Day & Taxi // Daniel Studer // Zimmerlin, Stoffner & Meier; “You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me” // “Concert 2009” // “My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You” di Keiji Haino & The Hardy Rocks // Marteau Rouge & Haino Keiji // Keiji Haino; “Le Jardin Sonore” dei Sonoria // “Tuscany Music Revolution” dei TMR; “Spiralis Aurea” di Stefano Pilia; “Twofold” // “Made Out Of Sound” // “Decameron” di Onno Govaert & Verhoeven / Serries // Chris Corsano & Bill Orcutt // Philipp Schaufelberger & Pierre Favre ...


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/11/2022

`Anna´  

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´