`The Ape Of Naples´

Autore disco:

Coil

Etichetta:

Treshold House (GB)

Link:

www.thresholdhouse.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

1) Fire of the mind 2) The last emethyst deceiver 3) Tattooed man 4) Triple sun 5) It's in my blood 6) I don't get it 7) Heaven's blade 8) Cold cell 9) Teenage lighting 2005 10) Amber rain 11) Going up

Durata:

63:38

Con:

François Testory (Serrazine), Peter Christopherson, John Balance

Il diamante più brillante della morte

x Salvatore Borrelli

Un morto non è una figura svenuta: un morto è il cadavere e quando si muore significa che così (non si) è (più). Uno muore e finisce tutto. Poveri noi quando i morti giungono a tormentarci in queste esperienze fonografiche, esperienze che sono ritorni nell'unico modo in cui si conoscono le parole, ovvero attraverso la voce e quello che comportano voci amabili o amate. John Balance è la voce: la si riconosce così perché lui ne era il leader indiscusso (non solo dei Coil ma della voce stessa) e quella voce incisa a più di un anno dalla sua morte, suona alla stessa maniera in cui è sempre suonata. E la sua morte, qui, è un disvelamento perché questo epilogo, anche curioso, blasfemo, per certi versi morboso, si poneva dal giorno della sua morte come l'interrogazione attorno a cosa, prima di morire, avesse o non avesse inciso. Si presuppone che la morte debba sempre essere consapevole di sé, ovvero che debba sempre, in taluni casi, rendere una spiegazione della sua ultimità e si presuppone che i grandi artisti debbano esprimersi in un modo più che differente, più che coinciso, se sanno che quello che ne resta, un momento prima della morte, debba essere la fine, l'ultimo segno. Sappiamo che la morte non è il morire e che Balance parlasse di morire e che evidentemente s'aspettasse la morte come la stessa disattesa del morire. La sua caduta ironica, laterale, ovvero possibilità di un'impossiblità stessa che è il morire comunque (e la morte mette fine a questo solo oscenamente). I grandi artisti suicidi hanno intriso il loro ultimo lavoro sempre di morte, di segni di morte, di prossimità alla fine, e dunque di vita vissuta come esplorazione di un senso (il senso mancato, il senso che per eccellenza ci manca). Balance non è un artista suicida: forse perchè è morto 1000 volte; ma stavolta è morto davvero e per caso, ed è possibile che prima di morire, o prima che si accorgesse di morire, davvero che non lo sapesse nemmeno o che non lo volesse nemmeno. Cosa si può dire quando si dice che non si sa di dover morire e nello stesso momento quando un intero lavoro artistico si presenta come l'emanazione del nero, di deragliamento inverosimile gettato sui limiti della verità? Cosa si dice, se lo si dice, quando non si sa, per un incidente domestico, per una semplice caduta dalle scale, che quella è la morte, e che non si era pronti a dirla né tantomeno a subirla? Cosa rende tragica i limiti di questa morte: trovarsi impreparati ad accoglierla? Trovarsi di fronte ad una conclusione beffarda e per questo meno dignitosa di tutte le altre? In "Ape of Naples" si dice quello che si è sempre detto ed allora la morte aggiunta non sta come nei grandi decessi in un'affermazione ulteriore, ma quanto piuttosto in quel valore aggiunto che è la morte reale, che viene finalmente ad allinearsi sulla morte artisticizzata, sopraesposta, che apparteneva al tema ossessivo di John Balance. La morte di Balance è il punto che si pone sul segno della morte, il momento di chiusura, precipitoso se la morte non fosse che un precipizio, a cui bisognava, qualora ci fosse stata, attingere alla fine, produrre la fine. Il primo dato sconcertante di "Ape of Naples" è per questo terribile: si presenta come un disco prodotto nell'assenza di qualcuno, probabilmente grazie a sovraincisioni successive, magari attraverso ritagli vocali, se non addirittura da veri e propri adattamenti sonori su scarti vocali e suona come un lavoro esattamente coiliano, forse il disco dei Coil più coiliano per eccellenza! E se John Balance avesse sempre lavorato in tal modo? Se avesse sempre cantato e registrato delle parole su cui interagire con dei suoni? Se fosse sempre stato così proprio per raggirare la morte, per sovresporsi, disimpegnarsi di fronte alla responsabilità del morire? Che l'originarietà essenziale dei Coil fosse lo scarto prodotto tra mondo reale e mondo sonoro, che questi due mondi all'ascolto di un loro disco si contrapponessero come le peggiori giustapposizioni, era la ragione che ci ha spinto ad adorare ogni loro produzione; ma che questo mondo con la morte di John Balance si disgelasse in tutto il suo universo fantasmatico, e sì, anche virtuale, d'impossibilità per eccellenza, questo è un ricorso che appartiene alla morte, e la morte è unica e si dà una volta soltanto e si dice anche da sola, ovvero testimonia la sua assenza sulla scena dell'apparizione. "Ape of Naples" quindi, per questo suo darsi, ora e definitivamente, rispetto a tutta la ciclicità coiliana, si presenta in sé già ora come il momento topico del topico, come il discorso che li detiene tutti ma li toglie tutti e quindi come il lavoro più eccellente perché in sé contenente la morte; e la contiene, disgraziatamente, non solo come un presagio ma come una figura di non-ritorno.
'L'uomo è l'animale' che invoca 'il sacro': l'invocazione è paritaria al sacro ripetuto 16 volte in Fire of the Mind e 'gli angeli sono bestiali'. Già dalle prime parole del disco viene fuori uno scenario alla Wordsworth: ricorsi continui al sole, alla notte, alla fine, al decesso, alla malattia, al mistico. Balance dice: 'la morte è centrifuga': voleva forse dire che la morte centrifuga la morte? É un presagio alla Juana Castro quando scrive: 'Il sole era alto e il mio sangue s'innalzava dalla sua marea disegnandosi in onde'. John Balance appartiene a quella generazione venuta subito dopo Derek Jarman, in qualche modo ne contiene segni, presentimenti, paure. In Tattooed man si parla esattamente di morte ed amore. Sono questi i due grandi temi di John Balance. Dove giace quest'uomo che si è amato ed odiato se non nel buio, in qualche letto da qualche parte, che appare come l'irraggiungibile e contemporaneamente come il flusso di un età che viene descritta come 'the dark age of love'. Circa 80 anni fa Artaud dell'amore (tra l'altro) scriveva: 'E l'amore? Occorre levarsi da questa sporcizia ereditaria dove i nostri pidocchi astrali continuano a spaparanzarsi'. Tra tutti i brani, di cui qualcuno evidentemente aggiunto, traslato dall'altrove, riposto lì per ammantare, emerge Amber rain che dimostra l'infinità che sarebbero stati, se non per la morte, i Coil del futuro, che poi sono gli stessi di sempre, in bilico tra materia sublunare e pervasione mistica, tra parole impronunciabili e sottile decadence. Una musica che resta è una musica che non ha bisogno d'altro per esistere. Ciò che fa storia, ciò che non si sfinisce del presente, è esattamente quello che continua a risuonare, che continua a far sensazione ovunque. La musica dei Coil è una musica non-recensibile: resta una roccia debordante, in qualche modo parlarne non le rende merito, perché appartiene, come anche nell'opera di Current 93 (che io sento fortemente apparentata se non altro come un alter-ego con questa) una forte pulsione di vitalismo e nello stesso tempo di nichilismo. Sono delle lungimiranze che ci possiamo permettere solo in un'epoca in cui gli estremi vengono concepiti come delle polluzioni caotiche, plastiche, ma mai ambigue, o lontane tra loro. La musica dei Coil non è elettronica, questo disco non è un disco elettronico, eppure è fatto di elettricità a forti dosi magnetiche, alchemiche e liriche. Evidentemente si perviene alla conclusione che l'essenza del dark si sia sempre generata in questi lidi e che questi stessi (vedi collaborazioni tra Six Ogans Of Admittance, Will Oldham & i Current 93) in un periodo così scopertamente spoglio di ideologie, abbiano intercorso a ricostruire dei firmamenti che una volta si volevano giustapposti e bloccati. I Coil degli ultimi anni, pur non rinunciando a quel firmamento profondamente oscuro che li pervadeva e che ci pervade, avevano puntato, forse con tutte le armi a disposizioni, armi atomiche e definitivamente ferenti, una plastica della composizione, che mischiava glitch, psicanalisi, teatro, contemporanea e vita in un unico testo impenetrabile eppure così marcatamente esponenziale da ferire in modo obliquo e massiccio chi veniva ad interessarsi alla loro musica. Scrive Blanchot: 'Poiché il desiderio di morire svaniva, non restava più in loro che morire. Senza reclamare niente dagli astri, morire sconsideratamente. Desiderare, cessare d'avere un rapporto con lo sguardo, non rivolgersi più verso il cielo; il desiderio è quello sviamento nel quale 'io' mi scredito: è così in rapporto con la notte senza stelle, questa notte di lentezza, d'insufficienza: andando alla deriva senza rive'.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/4/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´