`Ridin' The Stang´

Autore disco:

Daniel Patrick Quinn

Etichetta:

Suilven (GB)

Link:

www.suilvenrecordings.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1) Northern 2) The Burryman 3) Make Hay! 4) Clock House 5) Channelkirk And The Surrounding Area 6) Rough Music 7) Over And Over 8) The Ennerdale Fence

Durata:

35.57

Con:

Daniel Patrick Quinn, Duncan Grahl

La nuova strada del folk su strade di whisky

Salvatore Borrelli

Tutto ciò che proviene dai violini delle feste paesane, la notte dentro luoghi deserti, quando una marea di ubriachi si riversano nelle stradine assortite in attesa di un nuovo giro di vino, è quello che fa di Quinn un essere più che adattabile alle risse di tavole arboree e tarlate, ai capogiri di mattinate andate notti prima in baraonda, ai fiori che si osservano dentro vasche di vetro e polline. Quando John Cale suonava la viola mitteleuropea in "Desertshore", trentacinque anni fa, anticipava come un sigillo la catartica reale dei polmoni più che spinti di Daniel Patrick Quinn: ai tempi lui non era ancora nato e Nico, che in quel disco riduceva tutto all’osso, sussurrava ad una generazione a venire la sintomatica della solitudine, l’estetica della sofferenza. Quello che distingue una canzone da una canzone comune è una buona canzone. Le buone canzoni sono virus che non ti lasciano stare. Tu puoi scordarle ma prima o poi saranno loro a chiamarti dentro la testa. Tu le ascolterai come fossero note che conosci, ma le buone canzoni non si conoscono né si fanno conoscere. Tutto quello che appare indecifrabile rimane al linguaggio ignoto e la musica dovrebbe indagare solo lo spazio di questa incomprensione per rimanere sulla linea di una linea che delinea solo vuoti. Quinn è un ragazzo di appena ventiquattro anni, non è che alla soglia di un quarto di secolo, eppure allo stesso modo di Richard Youngs, fa a meno anche del mestiere e di quello che si definirebbe 'comunicazione', per metterci di fronte ad un vetro oltre il quale le cose continuano a sfinirsi ma nel senso di una partita che noi non conosciamo. Quinn ha prodotto nell’arco di soli due anni una discografia che appare coerentissima: tutta in cd-r senza che qualcuno di noi s’interessasse davvero a lui. Cosa sono questi suoni rigirati con un basso pendente che annunciano il disastro della storia in Clock House? È forse il Poe moderno quello che conta i tic tic dell’orologio perché i gatti hanno sette vite mentre la paura dei possessori di gatti ne ha solo una? Daniel Patrick Quinn fa finire tutti i brani proprio come cominciano: li lascia andare quando potrebbero apparirci inossidabili alla memoria: si chiudono sempre in dissolvenza, ma tutto è una dissolvenza dentro il suo oscuro lavoro. Channelikirk And The Surrounding Area è uno di quei brani che si possono suonare solo ai funerali: la sua voce impastata di mondo a noi appare come quelle cordate che fanno mille uomini per scampare ai pericoli di strade che si aprono come fossero pezzi di burro sciolti al sole. Ne ascoltiamo le note ma non ci sfuggono tutte quelle che suonano sottoterra e che fanno di ogni suo brano un doppio e triplo brano che continuerà a rigirare come un’ossessione della nostra memoria. Non si sa bene dove sia finita la grammatica ma questi pezzi dall’intonazione afona e le corde di queste chitarre indemoniate riducono il folk catatonico alla maestranza di balli voodoo ed il mondo si tinge d’argento. In Rough Music si sentono dei telefoni occupati: delle bacchette percuotono come una marcetta d’altri tempi un bordo rullante, ed i sintetizzatori, tutti suonati da lui insieme al resto, fanno spola con il vento e precisi colpi di basso. La musica è area, si perde nell’area e l’area l’infrange sconquassata su questi candelabri che non sono manco nuovi. La musica di questo sublime individuo è geometrica ma di quelle geometrie irregolari che non fai in tempo a studiare che già l’ambiente è diventato un triangolo irregolare e devi soltanto rimanere sulla sedia e sentire cosa ti dice questo spazio che cambia e che ti cambia. Sono convinto che dentro questo lavoro che lo stesso Quinn definisce avant-folk, ma che di avant ha poco e di folk ancora di meno, vi siano le stesse parole sottili e le stesse confessioni inconfessabili di “There Is No-One What Will Take Care Of You”: anche lì c’era qualcuno che dal suo ambiente domestico comunicava al mondo intero il peso della carne disgregante, gli amori lasciati come scatole di tonno ad infracidirsi, e le stesse distese di niente che ti condizionano se le osservi con quegli occhi che i minatori hanno quando escono dalle cave e risorgono in un modo che pare più pesante ed intransigente di qualunque pianeta inadatto ad ospitarci. Una nota speciale va riservata al pezzo più bello composto quest’anno che è The Burryman: si sentono le stesse cose che fanno di questo disco una pietra miliare della nuova scena folk eppure dentro Quinn minuetta con Duncan Grahl che ha 60 anni. Grahl è un poeta consumato ed ha certamente alzato il gomito prima di narrare la leggenda di quest’uomo muto delle nebbie che cammina per strade deserte con fiori al posto dei vestiti ricevendo whisky e soldi dalla gente che trova sul suo percorso. È un brano pauroso perché tutti alzano il bicchiere e brindano forse al superuomo e tu non hai scampo perché ti manca lo stesso bicchiere con cui brindare. È un bicchiere lasciato sul tavolo dell’ultima locanda che non va di moda: la gente che è lì ora è ancora lì, ti aspettano a patto che possa restarne seduto in eterno e finire parte di quel ciclo che chiama l’eterno e di quell’eterno indistinguibile che trattiene le leggende come fossero pezzi asportabili, mentre tutti quelli che erano con te si decidono a lasciar casa per visitare luoghi più sobri di questo ma per questo meno desiderabili.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/1/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´