`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´

Autore disco:

Warren Burt // Kinetix

Etichetta:

XI Records (USA) // Monochrome Vision (RUS)

Link:

www.xirecords.org
www.kinetixlab.com
www.monochromevision.ru

Formato:

2 CD // 2 CD

Anno di Pubblicazione:

2006

Titoli:

(cd1) 1): 15:59 2) 15:59 3) 15:59 4) 16:32 (cd2): 1) 16:01 2) 16:01 3) 15:55 4) 16:51 // Black Cd: 8 Tr. 42:42 White Cd: 8 Tr . 42:42

Durata:

64:31/64:49 // 42:42 x 2

Con:

Warren Burt // Gianluca Becuzzi

un disco importante per più di un motivo

x Salvatore Borrelli

Una probabile lettura del lavoro di Warren Burt, e 'questo' particolarmente, consiste nella ricerca dell'abbandono che è un modo più che idoneo per scardinare il centellinante studio microtonale e poietico-combinatorio che è dietro ogni passaggio di "The Animation Of Lists...". Questo doppio lavoro, esattamente nello stile di certe opere massimaliste, erudite e quindi oggettivabili dietro un sapore cerebrale, ossia un po' mortifero, passa tutto il codice saggistico alla scrittura interna, e come nelle opere di contemporanea, c'è il libretto pieno zeppo di note, di codici, di riferimenti storiografici dell'autore.
È una prassi certamente degna di valore, poiché serpenteggia dietro conoscenza e comprensione dell'opera, e può pure fornire qualche elemento di sicuro interesse, ma quello che emerge in questo caso, come in molti altri casi del genere, sta nel dislivello tra informazione e flusso sonoro. Dietro la microtonalità delle ottave esplorate in questo lavoro ripetitivo quanto sospeso ed interminabile, dietro la messinscena della continuità dialogica con il minimalismo di Michael Harrison sui principi della risonanza armonica per sola nota o di Kyle Gann sulla diffrazione simultanea e successiva dei tempi (la chiave è sempre la medesima: lo sfruttamento delle 37 tonalità per ottava), si nasconde tuttavia nel lavoro di Warren Burt il disimpegno di quanto accade oggi, anche in questi settori che sembrano così talmente statici ed accademici, e per questo forse, hanno bisogno di tutti questi aggiustamenti di tiro, di queste notarelle a piè pagina. Burt descrive se stesso come un anti-post-moderno e la prova che ci fornisce n'evidenzia però tutti i cliché di una modernità rimasta preistorica: l'accanimento scrittorio, la pulizia sonora che rasenta la new age, un certo primato della teoresi e non per ultimo, ma forse è un pregio, l'aria di contemporanea giapponese senza i post ma solo d'estrema glacialità che si respira in tutti e due i dischi. Emerge tuttavia particolarmente nella terza e quarta traccia del primo disco un venato firmamento dronico, frutto della risonanze che si accumulano di volta in volta dalle note, ma anche questa dimensione, in casi come questi che vogliono essere matematici, e provocare risultati matematici, si scontrano con l'effettiva esattezza di ciò che si sente, e viene ad accumularsi la solita idiosincrasia tra quello che l'autore voleva dire e quello che noi sentiamo davvero in un'opera. Si tratta di un problema molto diffuso nella musica del '900, nella contemporanea che fornisce a-priori dei tasselli interpretativi e filtra tutto il divenire di un'opera nelle larghe o strette maglie del vagito conico in cui vanno ad inserirsi commozione del fruitore e nitidezza dell'interpretazione. È per certi aspetti una malattia, che in scala investe quasi tutte quante le opere sonore di un certo spessore che vogliono inserirsi in un corrispettivo storico e chiedere la loro parte sulla scena del mondo: tuttavia queste opere, e questa di Burt è una come tante, risentono profondamente dei riflussi che gli autori stessi seminano a forti dosi di teoria e convincimenti più o meno colti dell'efficacia delle loro opere. Si tratta di uno scarto terribile che provoca, come per me in questo caso, anche una profonda incomprensione e rassegnazione che la verità di cui si parla in questo libretto, sia a me ignara ed inconcepibile ma quello che ascolto almeno nel primo disco è una cifra di tocchi a risonanza, che sembrano i segnali di un vibrafono, o di uno strumento a tocco autocostruito e che vanno in tutte le direzioni tranne che quelle dell'anima. Tuttavia, e con l'ingresso del secondo dischetto che mi appare del tutto lontana la testimonianza di Bourdieu che insinuava lo scacco, o meglio la sfasatura, tra comprensione dell'opera e resistenza del fruitore, tra innovazione sonora e assuefazione sociologica. Questo perché il secondo disco suona più o meno identico al primo ed è davvero poca cosa una monotonia di circa 130 minuti che va avanti a colpi di nozioni, risultati più o meno straordinari e discussioni estetologiche.
Ed è qui, esattamente da questo punto, che, vuoi per caso, vuoi perché si tratta di un doppio, che si presenta il lavoro di Gianluca Becuzzi. Kinetix e Warren Burt appartengono a due mondi praticamente opposti: ricercatore accademico il secondo e manipolatore isolazionista il primo. Burt manipola fonti sonore che suona lì per lì, Kinetix utilizza fonti più o meno distinguibili in quell'estetica del riciclo che il buon Burt troverebbe intollerante. Eppure entrambi sia per densità identitaria (ambedue sviluppano un suono puro, evocativo e non troppo lontano dalla lezione zen del nirvana) sia per un certo gusto del tempo (entrambi non si fermano al classico disco, amano suddividere i brani nella stessa durata, non dar loro nome e quindi ripiegarli nelle leggi asignificanti del suono puro non caricato da significati semantici ulteriori) viene quasi elementare associarli insieme. Il lavoro di Kinetix segue il filo di certe pubblicazioni di stampo minimal techno. una soluzione sonora ai limiti tra dronismo elettronico, pulsioni ikediane/notiane, un particolare uso dell'isolazionismo. A differenza del suo ultimo lavoro su Small voices, quello "Small Rooms" che tagliava come un diamante il sistema-suono di un disco che presentava una puntualità ed una pulizia sonora che rasentavano la neutralità macchinica, sebbene in questo lavoro vi sia la stessa cura e freddezza delle produzioni di Kinetix, manca quell'espressione più astratta ed a tratti disumana, mentre viene privilegiata la componente ritmica. Che ne viene fuori? Un disco che può, come suggeriscono le note essere letto contemporaneamente in shuffle all'altro, con due lettori, ma anche un doppio lavoro che può fare a meno della sincronia. In effetti il primo disco è composto da microsuoni, forse frutto di microfoniE a contatto e drone taglienti, il secondo invece non è troppo dissimile da quel "Cyclo" che qualche anno fa diede il battesimo ad un suono che oggi appare stanco e forse superfluo. Nulla di nuovo quindi, a parte, e non è cosa da poco, il tentativo riuscitissimo di unire a quel tessuto ritmico di "Cyclo" una componente Koneriana, da far suonare ai volumi desiderati, e nel modo desiderato o a caso. È un tentativo che, indipendentemente dal discorso sull'obsolescenza sonora, crea direttamente o indirettamente una sicura gradevolezza, perché fornisce al supporto una modalità plurima d'inneschi e permette allo stesso disco di essere sempre altro da sé, non fornendo una chiave monotematica, ma presentandosi sempre sul ridosso di qualcosa che cambia. È allo stesso tempo però un percorso che indipendentemente dalla sua qualità teorica, e per certi versi anche pratica (a differenza del Burt non c'è bisogno di formulare pretese teorie armoniche su paginette e paginette sulla falsariga del compositore che resta incompreso o che parte già dal tentativo spiegazionale di fornire un'alibi per la sua stessa produzione) ha il difetto di somigliare troppo a qualcosa che si è ascoltato per troppo a lungo, e forse la stessa operazione ma con suoni e modi meno prevedibili non avrebbero guastato.
Due doppi lavori, due lavori certamente atipici e molto 'avant' già a partire dal formato e dalla modalità fruitiva: il primo con la pecca di essere un'unica cosa, una traccia monolitica che non dona nemmeno la grazia all'ascoltatore di cambiare disco e l'altra un'opera esatta, secca, fortemente ragionata e fascinosamente fredda, ma che nel disco nero si porta troppi tasselli e suoni e sculture che fanno parte di un dna sonoro (quello di Ikeda ed Alva Noto) che come lo presenti te li vedi davanti (ma hanno una presenza troppo ingombrante e definita e questo disco nero è troppo definito per non ricalcare in qualche modo la copia di quel lavoro che appartiene già allo storicismo sonoro).


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/10/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´