`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´

Autore disco:

Sanhedolin // AA. VV.

Etichetta:

PSF (J)

Link:

www.psfmm.com
www.psfrecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2005

Titoli:

1-10) senza titolo // 1) Behind 20, Beyond 20k 2) Mandrax Town (Live Version) 3) Kyoaku No Blues II 4) Green Pupil 5) Black Phantom 6) titolo in caratteri giapponesi 7) Cluster Of Lights 8) Mitai 9) Prayer Of A Fool 10) Fla Fla Heaven

Durata:

65:06 // 74:54

Con:

Mitsuru Nasuno, Keiji Haino, Tatsuya Yoshida // Aural Fit / White Heaven / Kyoaku No Intention / Kabe Mimi / Suisho No Fune / D.J. Keiji Haino / Hisato Higuchi / Tsuru No Ko / Overhang Party / Marble Sheep

Pioveforte // Appassionante

x Alessandro Calbucci

Si presenta in veste bianca con poche note di copertina questo nuovo disco che vede Keiji Haino alla chitarra, voce e flauto, il batterista dei Ruins (Tatsuya Yoshida) alla batteria e Mitsuru Natsuno al basso (in pratica la stessa line up che ha registrato il “Live At Cafe Indipendants”. Il bianco forse è un invito ad affezionarsi (per non dire a nozze) all’attitudine del trio.
Incudini martelli e spiriti nascosti viaggiano in una lunga impro dalle tinte scure ed aggressive. Qui la violenza è da intendere come riflessione su se stessi e sul mondo. Haino ha già detto in passato che l’universo sta piangendo ma anche che c’è un frammento che desidera ardentemente di opporsi e bloccare il dolore che ci accompagna. Quel frammento è proprio lui ed è insieme ai rocciosi compagni che in questo caso costruisce un muro di feedback e riverberi che è quasi impossibile distruggere, per contrastare le urla di dolore esistenziale.
La sezione ritmica è un continuum formato da una batteria anelastica come il piombo, molto più vicina all’hardcore (cassa-rullante cassa-rullante molto frequenti) che all’alea free, ma allo stesso tempo anche molto ‘spaziale’ ed un basso plastico che non si ferma mai e definisce giri armonici solidi e corposi che ti spara sulla faccia ( il riferimento agli Area è voluto, dato che Tatsuya Yoshida li annovera molto spesso come uno dei gruppi di riferimento).
La chitarra e la voce di Haino, che sommate all’energia termica generata dai cinetici accompagnatori danno una specie e magica colata lavica, sono come al solito l’espressione assoluta del calore.
Per chi conosce il suono dei tre musicisti possiamo dire che qui ci troviamo di fronte alla ‘materia grezza’, nel senso che i suoni di questo cd rappresentano la cifra stilistica ed il nucleo della loro arte.
L’impro inizia con Haino al flauto, con basso e batteria che fanno da contrappunto, e poi prosegue tesa e si espande infuocata mentre lo spazio si allaga di presenze occulte e magnetiche. Qualche soffio di silenzio intorno per attizzare le fiamma.
Questo disco ha una controindicazione, e cioè quella di ascoltarlo con la condizione dell’animo giusta altrimenti la vostra testa potrebbe rischiare di esplodere.(anche se so che questi avvertimenti non dovrei farli a voi, lettori di sands-zine). Ingenuamente si potrebbe dire che pecchi di ripetitività e prolissità. Credo invece che questo sia il su punto di forza. Il Rock per Haino e compagni significa (creare) l’impossibile, l’incompleto, essere sul filo. Se non si capisce questa intenzione si può finire con l’odiare la musica del trio.
Infine non mi chiedo se Sanhedolin sia un progetto che parla un linguaggio retorico oppure se la sua corazza free-prog-noise-psycho-core sia una fine sofisticazione.
Osservo e ammiro questa scultura di marmoargillalucecheriecheggialalontananzadelnullaefluisce che mi rinforza.

La PSF è un etichetta giapponese che fa uscire, in linea di massima, dischi di gruppi giapponesi. Questo CD è un interessante sampler di musica rock psichedelica dallo spazio profondo.
Il primo pezzo è degli Aural Fit (Behind 20, Beyond 20k): acido, ripetitivo, caustico, dall’incedere sabbatico. Tra Amon Düül, Spacemen 3 e Blue Cheer.
La #2 è dei mitici White Heaven (storica j-band psichedelica): in Mandrax Town (Live Version) l’atmosfera è più romantica, un po’ sgangherata. Una voce da crooner ci accompagna nel viaggio lisergico.
La #3 è un laconico free per chitarra e batteria dei Kyoaku No Intention (Kyoaku No Blues II).
Kabe Mimi (con Green Pupil) nella traccia #4 dipingono un quadro astratto, dove gli strumenti sono dilatati e accompagnati da rintocchi di piatti zen e da delay e riverberi misteriosi.
Gli Suisho No Fune (Black Phantom) propongono un pezzo semplice di due accordi in minore da sapore arcaico cantati in un giapponese dolce ma anche disperato o, meglio, incazzato.
Poi è il turno di DJ Keiji Haino che spiazza l’ascoltatore con un indefinibile plunderphonic in cui realizza un incontro tra free jazz musica classica e da camera. Il risultato è pregevole ma la composizione non è certo l’unica che dà carattere alla compilation.
Hisato Hisiguchi dei Ghost ci delizia con una delicata ed eterea canzone per chitarra ed electronics dal titolo Cluster of Light. Poi c’è Hitai, un pezzo degli Tsuru No Ko che tenta di staccarsi da terra, suonato da una chitarra calda e tagliente e da una batteria lievemente mazzata.
Devo confessare che all’inizio della traccia nove (Prayer Of A Fool degli Overhang Party) mi sembrava di ascoltare un intro dei Doors! In realtà il brano è una ballatona tra Julian Cope e Syd Barrett.
Chiudono la bella compilation i Marble Sheep con Fla Fla Heaven, un fiammante rocknroll psychobilly etc. in 4\4, con una voce vicina a John Lydon e Lemmy Motorhead (!).


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/4/2006
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2006 ...

`v3´  

`Looping I-VI (and other assorted love songs)´  

`Singles. Period.´  

`Exkursion´  

`Triste´  

`Conceal´  

`Lumottu Karkkipurkki´ // `Kellari Juniversumi (reprint)’  

`Status´  

`Crown Of Marches´ // `Horse Frenzy´  

`Ridin' The Stang´  

`Folk Roots, New Routes´ // `Folk, Blues & Beyond…´ // `Rock On´  

`Axel Dörner & Robin Hayward´ // `Activity Center & Phil Minton´  

`Soundtrack Stories´  

`Dishoek´  

`HHHH´  

`7 Million´  

`Voice In The Wilderness: Dissenting Soundscapes And Songs Of G. W.’s America´  

`The Way Of The Animal Powers´ // `Growing & Mark Evan Burden´  

`Vol 4´ // `Greatest Hits´ // `Fear The Windows´  

`Nomis´  

`Big Ears – Fitzgerald’s Manifesto´  

`Small Explosions that are yours to keep´ // `Norden´  

`Musica onirica per film immaginari´  

`Longitude / Cratere´  

`Myrninerest´  

`Uchu Ni Karamitsuiteiru Waga Itami´ // `Global Ancient Atmosphere´ // `Venerdì 30 Settembre 2005 – Teatro Ariosto´  

`L’Ange´  

`Frame´  

`Oggi ho indossato la tua mancanza´  

`Essence of 3EEM´  

`Pneuma´ // `Solo Voce´ // `Songs To Cry By For The Golden Age Of Nothing´  

`AnteNata´  

`Steppers+´  

`Flowers You Can Eat´  

`Werthmuller´ // `Hypermagic Mountain´  

`Spring Estuary´  

`Le baptême de la solitude´ // `Free For(m) Rimbaud´ // `Platessa´  

`Lay Your Soul Bare´  

`Dalbukki´ // `White Room´  

`The Anabaptist Loop´  

`Psicopatologia del Serial Killer´  

`Before and After Dinner´  

`Healing Memories And Other Scattering Times´ // `Invisible Pyramid: Elegy Box´  

`Filament Box´  

`Angles Of Repose´ // `The Eleventh Hour´  

`Blackwhitemusic´  

`Osci´  

`Krško - Valencia´  

`Pelt´ // `Catonapotato´ // `The Naive Shaman´  

`[mezza luna piena]´  

`Kiss the light goodbye´  

`Uncolored (swing'n'pop around rose)´  

`Just Before Dawn´  

`A M.B. Iehn Tale´  

`A Year Of The Aural Gauge Operation´  

`Emerald Stars´  

`The Unsaid Words´  

`A Delay Is Better´ // `Skymother Mountain´  

`Instorments´  

`III´  

`Baggerboot´  

`Farewell Aldebaran´  

`Aube Reworks Stefano Gentile´  

`Every Still Day´  

`Essays On Radio: Can I Have 2 Minutes Of Your Time´  

`Automatic Guerrini´ // `Unclocked´  

`Rex Xhu Ping´  

`Somelove´  

`Memento Rumori´  

`Rhythmajik´  

`Pour un pianiste (1973 – 1974)´  

`Simulando un Refugio´  

`Kill The Vultures´  

`B-interrail´  

`Trans-Sister Radio´  

`Swimming In It´  

`Echran´  

`Wander (Beequeen)´  

`The Tail Of The Tiger´  

`Dark Skies At Noon´  

`Scatole Sonore – 1 dicembre 2005´ // `Scatole Sonore – 5 gennaio 2006´  

`Paquet Surprise´  

`Dis_Patched´  

`For birds, planes & cello (a continuous field recording with cello)´  

`Everyone Alive Wants Answers´  

`Uotha´  

`Mini Dakedo Demo Album´  

`Sisyphus´  

`White Rooms´  

`Resonant Objects´  

`Very Rec´ // `This is Stunt Rock Vol. 3´  

`The Circle Is Not Round´  

`Tapestries´  

`Rebuilding Pantaleone’s Tree´  

`The Golden Morning Breaks´  

`Reveal'd To None As Yet - An Expedience To Utterly Vanish Consciousness While Still Alive´ //`PSF & Alchemy (20th Anniversary Live)´  

`Going Round In Serpentines´  

`The Quality Of Something Audible´  

`Before The Libretto´  

`Hex: Or Printing In The Infernal Method´  

`Electric Violence´  

`Sanhedolin´ // `Tokyo Flashback 5´  

`Sihl´  

`Arche-Lymb´  

`L’après, l’(a)-Dieu (40mt, under)´  

`The Ape Of Naples´  

`Contrappunti´ // `Cantina Tapes´  

`Februar´  

`Fugues´ // `Broken Wings Lead Arms To The Sun´  

`... A Gift for ... (°!°)´  

`Valve Division´ // `Piano Solo´  

`Common Chord´  

`Bias’  

`Paesaggi di Libero Ascolto´  

`Kaikkeuden Kauneus Ja Kasittamattomyys´ // `Sateenkaarisuudelma´  

`Punctum Contra Punctum´  

`Demons from Nipples´  

`A Strange Day´  

`L’île re-sonante´ // `Elemental II´  

`Key on a tongue´ // `Con le dovute eccezioni (la tregua reggerà)´ // `Zeno´  

`A-A:Alpha.Beta_Errata Corrige´ // `Circostanze (Tribute to Phill Niblock)´  

`1981´ // `Pop Ambient 2006´  

`Lantern´  

`Out To Lunch´  

`First Thus´ // `Architectures On Air And Other Works´  

`I.K.K. - Purpur´  

`Kainkwatett´ // `Seumsund / Sundseum´ // `Spare Parts & The Ideology Toolkit´  

`Oninneembaar´  

`Spoil, Microbe´ // `First Cut´  

`Manuale audiofonico sull’assenza di senno´ // `Il Duo Azure´ // `Live at Barcone – Torino – 16.10.2004´  

`Fuck Work´  

`The Day´  

`Queezy Epiphany Coming Through The Wall´ // `Stop Touching My Cat´ // `Wrong Faced Cat Feed Collapse´  

`When The Detail Lost Its Freedom´  

`Scatole Sonore (5 Gennaio 2006)´ // `Scatole Sonore (2 Febbraio 2006)´  

`Duo…´ // `Rocca´  

`Night Life´  

`Urueña´  

`Armonica´  

`Prontuario per giovani foglie´  

`The Garden Of Brokenness´  

`Tóg é go Bog é´ // `Here Comes The Bear´  

`Comes To Your House´  

`The Album´  

`It’s Morning´  

`Bipolar / Wring the Wrist´  

`Laze biose´  

`In My Father's House Are Many Mansions´  

`Dead Drunk´  

`A Thousand Incidents Arise´  

`Drones For Diasporas´  

`Hang Over Sunday´  

`Blueprint´  

`Piano Improvisations´ // `Solo Piano´  

`Ochre Land, Blue Blue Skies´ // `Misenlian´ // `Cloud´  

`Anaananaan´  

`Blog On Rimbaud´ // `Standard And Normal´  

`Bending The Tonic´  

`Colour Green´  

`Fair & Square´  

`Helping Hand´  

`Squarehorse´  

`Saw Mill Man´  

`The Complete Guide to Insufficiency´  

`Backyard Vol. 2´  

`Five Feet From Home´  

`Not Alone´  

`The Amateur Hermetic´ // `Product 06´ // `Untitled # 164´ // `The Air In The Sand´  

`Scatole Sonore (2 Marzo 2006)´ // `Scatole Sonore (6 Aprile 2006)´  

`The Return Of The 120 Magicians´  

`Comaneci´  

`The Men Album´  

`Ancora Saigon´  

`Bird Heart in Wool´  

`Clark´  

`Plans Drawn in Pencil´  

`The traditions of the past cannot be retrieved´  

`Naisnice´  

`Sixpériodes´  

`A Personal Account Of Conflict´  

`Inside A Moving Machine´  

`Roots and Fruits´  

`Introduction´ // `Live in Paris´  

`Preghiera per una stella´ // `Gravescapes´ // `Will You Please Be Quiet, Please?´  

`The House of Mourning´  

`Miastenia´  

`L'Orfeo Concluso´  

`April’s Fool´  

`Splintered´  

`Tagliare´  

`Annihilate This Week´ // `Red Room´ // `Figure 2´  

`I’m ep here´  

`The Even Times´  

`Wordless´  

`Songs and Sounds´  

`The Monkeys in The Zoo Have More Fun Than Me´  

`Un an´  

`Timing the 183k pulse: Eleven Intuitive Act on a Defined Vamp´  

`Baptism & Birthday´  

`Hidden Or Just Gone´  

`Homeogryllus Japonicus Orchestra 2004´  

`Å´  

`Dataplex´ // `Fflux´  

`Vedo Beat´  

`Trapping´  

`In the Morning Twilight´  

`Acoustic & Semiacoustic´  

`Check Point Charlie 2005´  

`Raus Aus Stavanger´  

`A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events´  

`The Topography Of The Lungs´  

`Flux Compendium´ // `Gauticle´  

`The animation of lists and the archytan transpositions´ // `Gestaltsystem 0 :: Possible forms´  

`Hito´ // `Kusa´  

`Martedì 11 Luglio 2006 @ Auditorium di Roma´  

`Intervista´  

`Secousses Panoramiques´ // `Air.ratio´  

`The Red Tower´  

`Eclipse´  

`Incidental Amplifications´  

`Animamima´  

`Dub Ainu Deluxe´  

`Heartworn Highways´  

`Out´  

`Quatre tonalités pour enceintes urbaines´ // `Chloral Works I & II´  

`JJJ´  

`Black Ships ate the Sky´  

`Queries´  

`End Of Summer´ //`Gliding Clerks´ // `Oleo Strut´ // `Polvere´  

`Process´  

`The Sea Looks Green When The Sky Is Grey´  

`Don't Remember´  

`Glissandro 70´  

`L’écurie´ // `Satanische Vrede´  

`Metaprogramming From Within The Eye Of The Storm´ // `Gelbe Tupfen´  

`Necklace´  

`Improvised music for Imaginary Films´  

`Sauna: Um, Dois, Três´  

`Fades´  

`L’addimmuru´ // `Teufeltanzmasken´  

`Switch Parmenide´  

`Artefacts´  

`A Low Carbonation´  

`Lengvai / 60 x One Minute Audio Colours Of 2kHz Sound´  

`Ku´  

`Memory Like Water´  

`Archaea´  

`I Hope You are well, I am and I send you my fingers´  

`Plays Polmo Polpo´  

`Giuseppe Ielasi´  

`Memory Makes Noise´  

`Airre´ // `In A Persian Market´ // `The Consumer CD´ // `Das Duz Dae Duz Das´  

`Hundloka, Flockblomstriga 1´  

`Kokoro Mayikibo´  

`Rectal Exploration´  

`Episome´  

`Pink´  

`Thrtysxtrllnmnfstns´  

`Un Mondo in Me´  

`The Empty Space´  

`The Clearing´  

`Between Neck & Stomach´