`Death By Water´

Autore disco:

Fabio Selvafiorita & Valerio Tricoli

Etichetta:

Die Schachtel (I)

Link:

www.dieschachtel.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Death By Water

Durata:

41:11

Con:

Fabio Selvafiorita, Valerio Tricoli

memorabile rimpatriata

x e. g. (no ©)

[Superfici Sonore] : [musica sperimentale italiana] = [Monterey Pop Festival] : [Musica pop-psichedelica].

Mi devo ripetere, ma ogni giorno che passa appare sempre più importante l’importanza avuta dalla terza edizione della rassegna “Superfici Sonore” che si tenne a Firenze, all’interno della facoltà di architettura, a fine Giugno del 2003 (e fra poco saremo al decennale).
Quella rassegna, fatte le dovute proporzioni, ebbe per la scena musicale sperimentale italiana la stessa importanza che il “Monterey Pop Festival” ebbe per la musica psichedelica. Lì germinarono amicizie e rancori. Alcuni dei protagonisti sono scomparsi, altri stanno ancora cercando la propria strada e altri ancora hanno raggiunto quella che, in ambito di sperimentazione sonora, può essere definita come una situazione di successo.
Tricoli e Selvafiorita furono due dei maggiori protagonisti di quelle tre giornate: il primo con la sua vitalità, la sua creatività e le sue invenzioni in ambito musicale e il secondo perché rinunciò ad esibirsi e dedicò il suo tempo, con abnegazione va detto, alla documentazione filmata dell’intera rassegna (nei nostri archivi relativi all’anno 2004 potete trovare la recensione alla VHS che venne tratta da quelle riprese). Passata quella rassegna il Tricoli ha iniziato la scalata a quella che può essere definita ‘una situazione di successo’ sia come solista, sia all’interno degli osannati ¾ Had Been Eliminated, sia in situazioni collaborative come questa che stiamo trattando. Fabio Selvafiorita ha invece tenuto sempre un basso profilo e da parte sua si registrano solo pochi segni di vita dispersi in qualche compilation. È per questo che, seppure sia chiaro che si tratta di un lavoro a quattro mani, tratterò “Death By Water” come se fosse una produzione del solo Tricoli, ma tenete ben presente che i meriti della sua riuscita vanno comunque attribuiti a entrambi.
È questo il Tricoli che preferisco, attento ai particolari e poco incline ai monolitici muri di suono. Le coloriture bizzarre, le dinamiche marcate, i cambi di tono e di volume, i suoni svertebrati da scaglie di silenzio, tutto contribuisce alla creazione di un 'movie' sonico ricco di colpi di scena e di sfumature. I suoni di “La morte a Venezia” (pardon… di “Death By Water”), quasi tutti registrati nell’isola della Giudecca, riescono così ad evocare sia i giochi nell'acqua sia le tempeste marine mentre, corpus delicti sulla scena dell'omicidio, l'uso delle voci appare indovinato, in quel loro manifestarsi indistinte, come provenienti da un universo parallelo o da un palinsesto della dimensione onirica. Vengono così a sovrapporsi, o meglio a confluire, vari elementi estetici, che vanno dal dark alla psichedelia e dal puro concretismo alla psyco-soundtrack immaginaria.
“Death By Water” è «An electro-acoustic composition», come la definiscono i suoi autori, il cui livello si mantiene sempre sugli standard del miglior Lionel Marchetti... vi sembra poco!!?!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/11/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´