`I’m Not Like You´

Autore disco:

Zero Centigrade

Etichetta:

Twilight Luggage (N)

Link:

www.twilightluggage.com/

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Swimming In Black Water 2) About David 3) Dirty Times 4) A Cold And Grey Summer Day 5) I’m Not Like You 6) In The Field

Durata:

40:18

Con:

Tonino Taiuti, Vincenzo De Luce

napoli e il blues

x e. g. (no ©)

Il blues è nato a napoli.
Questa affermazione, che può apparire paradossale, avrebbe soltanto bisogno di essere supportata da qualche effrazione storica – del tipo “storia dell’assedio di lisbona” – per saltare quel piccolo fossato che separa ciò che appare menzognero da ciò che appare veritiero. D’altro canto la storia è un libro di apparenze pieno di effrazioni. Pensate alla conquista del sud italia da parte dei savoia, con relativa predazione di quelle campagne operata dal nord industriale, trasformata nella panzana dell’insorgenza popolare anelante all’unità d’italia. Pensate, più recentemente, alle guerre scatenate per l’appropriazione degli ultimi barili di petrolio trasformate in guerre benefiche condotte per liberare alcuni popoli dalle dittature che li opprimevano. Se hitler avesse vinto la guerra oggi sarebbe celebrato come un eroe e i distruttori di hiroshima e nagasaki avrebbero impresso il marchio dei criminali, ma essendo stato sconfitto è lui il criminale e gli altri sono gli eroi. Una mia amica spagnola, che aveva frequentato le scuole durante la dittatura franchista, era convinta che cristoforo colombo (cristóbal colón) fosse nato in spagna. I vincitori, e coloro che detengono il potere, tutto possono… anche sovvertire la lettura degli avvenimenti storici. Io sono un perdente e non detengo nessun potere, quindi è molto improbabile che disponga della facoltà di far credere che il blues è nato a napoli. Eppure il popolo vesuviano è profondamente segnato dal blues e le vicende della città partenopea ben si adattano ad un romanzo contemplante la nascita e l’evoluzione di una musica che racchiude il caldo torrido dell’africa musulmana e l’esperienza della schiavitù, il sesso sboccato e il timor panico di dio, prostituzione e contrabbando, satana e le sue litanie, masaniello e james senese, gennaro capuozzo e pino daniele, renato capaccioli e luciano cilio…
Cosa c’incastrano queste mie fantasticherie con “I’m Not Like You”? Molto, dacché si tratta di un disco profondamente blues, seppure del blues rappresenti un’evoluzione storpiata (destrutturata) dai microrganismi dell’evoluzione. Rispetto a molte esperienze all’apparenza simili (nmperign, la tribù dei berlinesi, gli stessi conterranei a spirale…), Taiuti (chitarra) e De Luce (tromba) restano proprietari di quel calor negro tipico della musica del diavolo fin dalle sue origini. La carnalità, seppure venga riscritta ‘ca ti na r là’ dalle loro penne, continua ad essere letta come tale, e il concetto continua a sprigionare quel sudore associabile a tutti i match sessuali, mercenari o meno che siano. Allo stesso tempo il disco è estremamente sofferto perché, come cantava il povero lennon, «Yes I'm lonely wanna die / Yes I'm lonely wanna die / If I ain't dead already / Ooh girl you know the reason why».
Credo così di essere riuscito a intendere e far intendere l’essenza blues di questo disco, carpendone le radici affondate in un humus che del blues trattiene tutti gli elementi costitutivi. Casomai è lecito chiedersi perché i due abbiamo dovuto rivolgersi ad un marchio dislocato nella fredda norvegia per poterlo pubblicare. Che i vichinghi si siano fatti ingannare dal nome? O chissà che la canicola non ci stia abbandonando per spostarsi più a nord?


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/8/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´