`Three´

Autore disco:

Chapter

Etichetta:

Saiko Records (CH)

Link:

www.saikorecords.com
www.music-by-chapter.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Tomcat 2) A Winter Chill 3) The Blue Lake of Lännalöt 4) The Young Ones 5) Oh! Fryda 6) Serial 7) My Sweet Girl 8) Candle of Black Hope 9) What Am I To Do Now? 10) The Bird (Song for Mum) 11) The Monsters 12) The Kraken

Durata:

49:58

Con:

Alexander Craker, Thierry Van Ossel

Si può dare di più (ma ci possiamo anche accontentare…)

x Matteo Uggeri

Ci eravamo lanciati nel 2007 in grandiose lodi per il capitolo precedente di questo libro a puntate che gli svizzeri Chapter stanno stilando lentamente, quindi era inevitabile aspettarsi grandi cose dal seguito. Altrettanto facile dunque rimanere un po’ delusi, sebbene la confezione, all’altezza delle precedenti, proprio in cartone opaco e a mo’ di libro, ci illude di trovarci di fronte ancora a qualcosa di speciale. Intendiamoci: il disco non è affatto male, prosegue similmente ai precedenti nei suoi elementi di folk-rock elettroacustico, tra languide ballate ed altri pezzi più energici, ma manca buona parte del pathos e dell’originalità che avevano reso “Two” così speciale. Anche qui non manca un trait d’union in grado di dare un senso al disco, ma dove nel secondo capitolo questo trasformava un ottimo disco in un capolavoro, qui rende più gradevole un’azzeccata serie di canzoni. “Dici poco?” si chiederanno alcuni di voi; ebbene di peccato veniale si tratta, dato che appunto il disco è tutt’altro che brutto, nella sua malinconia sofferta, nelle morbide canzoni tra il pop e il folk, e non c’è un singolo brano che possa dirsi brutto, forse semplicemente qualcosa suona troppo debole e di poco impatto (vedi per esempio What I Am to Do Now?), e spicca come miglior pezzo il finale quasi western, tra scricchiolii e chitarre riverberate (The Kraken).
Forse chiediamo semplicemente troppo ad un duo che sappiamo poter essere sublime, ma forse possiamo in effetti accontentarci di aver un disco da ascolti ripetuti e senza sbavature.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/1/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´