`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´

Autore disco:

Ross Bolleter // Sophie Agnel

Etichetta:

Emanem (GB)

Link:

www.emanemdisc.com/

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010 // 2009

Titoli:

1) The Red Way 2) Goya’s Dog 3) Salt 4) Ravine 5) Gong Heaven 6) Cohabitation 7) Kiss Kiss 8) Asmodea 9) Torque 10) Five 11) Nocturnal 12) Rear View 13) Her Long Night’s Festival 14) Night Sky At Tjunta // 1) Capsizing Moments part 1 2) Capsizing Moments part 2 3) Capsizing Moments part 3

Durata:

63:05 // 50:56

Con:

Ross Bolleter // Sophie Agnel

preparazioni

x e. g. (no ©)

Pensate a due attori che impersonano un vecchio, il primo dei due è anch’egli piuttosto attempato mentre il secondo è truccato e trattato appositamente per recitare quella parte.
La differenza fra i pianoforti utilizzati in questi due dischi è da considerare sostanzialmente in siffatti termini. Da una parte i ‘ruined piano’ di Bolleter, corretti dal tempo, e dall’altra le modifiche procurate al pianoforte dalle preparazioni della Agnel.
Logicamente divergono anche le interpretazioni, più notturna e desolata nel primo caso mentre nel secondo appare più isterica e urbana, complice anche la tendenza a suonare lo strumento direttamente sulle corde (la Agnel è parigina mentre Bolleter è di Perth, provate a guardare nelle cartine geografiche e capirete…).
Per il resto nei due CD non vi sono trattamenti elettronici, se pure vi parrà di sentirne, l’attitudine di entrambi i musicisti è improvvisativa e il risultato potrà anche apparirvi come un’accozzaglia di suoni senza capo né coda.
La realtà è ben diversa e depone a favore di due strumentisti dalle possibilità tecniche illimitate, e sono proprio queste capacità a permettere il controllo su strumentazioni cronicamente malate di alzheimer o in preda agli spasmi di una procurata piressia acuta. In entrambi i casi la memoria è confusa e sbiadita e il linguaggio prossimo al delirio.
È un linguaggio ‘diverso’ quello che potete ascoltare e, magari, a tratti può far pensare ai cluster di Cecil Taylor o alle preparazioni di John Cage e altrove ai brani per percussioni metalliche dello stesso Cage o a mirate registrazioni d’ambiente ma, comunque, sia Bolleter sia la Agnel hanno una loro ben distinguibile peculiarità.
Due musicisti dei quali, consiglio raro, vi invito a scoprire l’intera discografia.
Infine un plauso alla Emanem che da circa quarant’anni pubblica materiali di altissima qualità ma di basso potere commerciabile, e questo senza dare alcun segno di cedimento.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/6/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´