`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´

Autore disco:

Seijaku

Etichetta:

Doubt Music (J)

Link:

www.doubtmusic.com
www.poisonpie.com/sounds/haino/
www.japanimprov.com/mnasuno/index.html
www.japanimprov.com/ichiraku/disco.html
www.youtube.com/watch?v=nLtEAzjXzao

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) It Is Not That First Day 2) Forced To Think You Love 3) Seijaku (#2) 4) Not To Bright (#1) 5) Seijaku (#1) 6) Let’s Make It Clear 7) Seijaku (Time #2) 8) Please Send Me A New Heart 9) Humiliation To Be Selected To Come Down From Elsewhere 10) Not To Bright (#2) // 1) Want To Head Back 2) Keep On Fighting 3) Look Over Here From The Other Side 4) Showa Blues

Durata:

56:28 // 41:01

Con:

Haino Keiji, Nasuno Mitsuru, Ichiraku Yoshimitsu

indomabili giapponesi

x e. g. (no ©)

«Hey hey, my my
Rock and roll can never die
»
(Neil Young)

Seijaku è un summit della musica underground giapponese… di Haino abbiamo scritto a più riprese e anche gli altri due, nei quali ci siamo imbattuti in più di un occasione, hanno precedenti talmente densi da rendere impossibile una carrellata esauriente sul loro passato, basti quindi ricordare la militanza in Altered States e Sanhedolin/Sanhedrin, per Nasuno Mitsuru, e negli ISO (con Otomo e Sachiko M), Omoide Hatoba e Acid Mothers Temple (oltre al singolare progetto DoraVideo), per Ichiraku Yoshimitsu. Agli indirizzi riportati sopra potete comunque trovare delle discografie pressoché complete dei tre individui. Appare comunque chiaro dai pochi nomi riportati (Sanhedolin/Sanhedrin, DoraVideo…) come i tre abbiano già avuto modo di incrociarsi nel corso della loro ormai più che decennale attività musicale. Sia la formula triangolare sia il titolo del primo disco sembrano indicare l’idea di dare un seguito allo storico gruppo guidato da Haino, dispersosi definitivamente con la morte del bassista Yasushi Ozawa avvenuta nel 2008, chiamato Fushitsusha. La musica è però maggiormente orientata verso il blues del quale ripropone, quando non la struttura, sia la disperazione sia la forza espressiva. Sembrano essere messi in cantina anche gli eccessi noise, da sempre simbolo della musica giapponese, in virtù di un lavoro classicamente ben suonato. Da tutto ciò pare evidente il rischio di incappare in una formale banalità, rischio che viene dribblato dalla spontaneità, le registrazioni sono tutte in presa diretta, e dalla forza evocativa che i tre sanno infondere in ogni nota dei loro strumenti. Insomma non c’è ombra della stanchezza e del rilassamento che quasi sempre accompagnano quei musici che da troppi anni cavalcano le scene. I due dischi si differenziano alquanto, essendo il primo un’opera tendenzialmente concept, con un suo ciclo e brani che si ripropongono intervallati da altri. In apertura e chiusura due deliziose missive suonate e cantate a fil di voce. All’interno si distinguono le acide Not To Bright (#1) e Please Send Me A New Heart, che ricordano la lennoniana Cold Turkey, e il bellissimo strumentale Humiliation To Be Selected To Come Down From Elsewhere, con Haino alla slide. Il second disco contiene invece solo quattro lunghi brani, con il lungocrinito chitarrista impegnato anche all’armonica (in Keep On Fighting e Look Over Here From The Other Side). Una dedica, vedibile una volta tolto il CD dalla custodia, ci aiuta ulteriormente a comprendere sia lo spirito di queste registrazioni sia la genesi dell’ultimo titolo che ho citato: «dedicated to Albert King, The Doors and Steppenwolf».
Due dischi monumentali.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 3/9/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´