`Re-Conditioned´

Autore disco:

Appliance

Etichetta:

Rroopp (GB)

Link:

www.rroopp.com/catalogue.xml

Formato:

3 x CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Tuesday Is Nearly Over 2) Mountains 1 3) As Far As I Can See 4) Violins 5) A Little More Information 6) Homing Devices 7) Navigating The Nursery Slopes 8) Comrades (In A Moscow Hotel) 9) Personal Stereo 10) Electra 11) Slow Roller 12) Fast Music 13) Pre-Rocket Science 14) Pacifica 15) Throwing A Curve Ball / 1) West Waves 2) All The Words For Snow 3) Sleeping Machines 4) Bruises 5) Nocturnal Walker 6) Homing Devices 7) Milkrace 8) Loop The Loop 9) Return To Telemark 10) We Are Not Built To Last 11) Lalo 12) Spies Of Rota 13) Rev A 14) Outer 15) Weightless Conditions / 1) Number Three Channel Is Clear 2) King Of The Flight Simulator 3) In The Event Of Just Looking 4) Ursa Major 5) For Tonight 6) Mach One 7) Slow Drive 8) We Are Not Stationary 9) This Is The Place 10) IKB 11) Pleasure Driving 12) Open 13) Concentration To Brightness 14) Smoother

Durata:

76:14 / 71:23 / 67:25

Con:

David Ireland, James Brooks, Michael Parker

scoperta o riscoperta: comunque da avere

x Matteo Uggeri

Tempi di revival, sempre e comunque. Si ripesca dal passato più remoto, ma anche da quello più recente. Anni ’90, sembra ieri ma in effetti non lo è, ed i vent’anni che sono passati non sono evidentemente bastati a farmi incontrare gli Appliance, band che su Mute ha avuto i suoi momenti di gloria, forse mai tale da renderli veramente popolari. Può dunque accadere che pur avendo io ascoltato elettronica, post-rock, new new wave o derivati, non ne abbia mai sentito parlare fino ad ora.
Ignorante, direte semplicemente voi.
Vero, rispondo, ma anche vero che ad una sommaria indagine tra amici melomani e non questi Appliance non risultano esattamente un must (in più per quel che possa valere, non son riuscito a trovarli manco su Wikipedia).
Ode dunque all’inglese Rroopp, etichetta dedita esclusivamente a ristampe di questo genere (in precedenza omaggiati Yellow 6 e Amp, due altre band che non hanno mai davvero ‘sfondato’): triplo CD con peel session, b-sides e primissimi EP, il tutto raccolto in una sontuosa confezione dalla grafica minimale e gelida, in perfetta sintonia con la musica. La quale è appunto una glaciale, ordinata, ripetitiva sequenza di tracce dove chitarre fredde e synth calibrati si snodano seriali su ritmiche regolari, pulsanti, mai invasive, accompagnate tratti da basi elettroniche minimali dal gusto vagamente eighties. La voce, dai tratti volutamente poco espressivi, come un Colin Newman dal timbro distaccato, accompagna (più che guidare) tutto il resto, come tenendosi a distanza. Sono in effetti i Wire della fase degli anni ’90 (quindi in quel momento loro contemporanei) il paragone più vicino, con la differenza che gli Appliance lavorano ancor più per sottrazione alle loro tracce, gelidi e regolari come macchine, ma macchine con un cuore malinconico. Non c’è dubbio che una certa monotonia possa essere il difetto principale di questa musica, ed è paradossale ancor di più se si pensa che i brani qui contenuti vengono da periodi, situazioni e registrazioni diverse, ma al di là di una sonorità un po’ più grezza dei vecchi pezzi contro invece un suono ‘lisciato’ per quelli recenti, a volte pare di ascoltare un unico flusso di suoni omogenei. Se ci si lascia trasportare, si entra in un mondo nel quale è difficile poi uscire, tanto da sorprendersi a voler ripartire dal primo CD una volta finito il terzo.
Per tutti coloro invece che il terzetto inglese già lo conoscevano: un’imperdibile opera per completisti. Ma a loro questa recensione di certo non serve.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/5/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´