`Gravissima´

Autore disco:

PIVIXKI

Etichetta:

Lexicon Devil (AUS)

Link:

www.myspace.com/lexdevrecords

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Flail 2) Konx 3) Gravissima 64 4) A Shrewd Manipulation Of The Facts 5) Achieving Failure 6) Delirious Heave 7) Hideous Men 8) Late Veins 9) Fools/Fanatics 10) Repeaters 11) Masso-Dissco

Durata:

37:20

Con:

Anthony Pateras, Max Kohane

agli antipodi (ma solo geografici) dei MoHa!

x e. g. (no ©)

Questi PIVIXKI mi ricordano tantissimo i norvegesi MoHa!, ammesso che questi ultimi abbiano un pianoforte al posto della chitarra di Anders Hana. Velocità esecutiva e furia devastante, per un incursione in grado di mettere a ferro e fuoco il mondo delle sette note, parlano la lingua di una contemporaneità dove il recupero dell’abilità tecnica non va certo a detrimento dei valori espressivi. Ed è proprio ‘improvvisazione espressionista’ il termine che più si adatta ad una musica cha fa tesoro di quanto più innovativo s’è avuto in precedenza nel settore, dalla new thing (la furia di Cecil Taylor…) all’impro radicale europea (l’ironico citazionismo di Misha Mengelberg); ma non solo, ed evidenti appaiono le influenze dirette o indotte di Cage (soprattutto per quanto riguarda la preparazione degli strumenti), di Charlemagne Palestine (per quanto riguarda la ‘massività’ dei suoni) e della musica elettronica. Ma di concerto sembra di sentire anche l’eco della musica da tappezzeria di Satie, delle pianole meccaniche e della musica di sottofondo in generale (barrelhouse, minstrels, vaudeville, cinema, danza…). Il dialogo fra i due è serrato e non si concede soste (gli undici brani, pur ben distinti fra loro, scorrono come un unico flusso) e mentre il batterista dilaga con terremoti percussivi (autentiche scariche d'adrenalina), con frequenti cambi di ritmo e d'atmosfera e con rapidi stop & go, il pianista risponde da parte sua con scorribande sulla tastiera, cascate di note e giochi di risonanze. Fenomenali ed deflagranti, tanto che i duetti di Cecil Taylor con la crema dei batteristi registrati a Berlino solo quattro lustri fa, al confronto, paiono roba per educande.
Perché farne a meno?

Ps: Il disco è stato pubblicato da Lexicon Devil, un marchio che solitamente pubblica materiali piuttosto diversi (tra i nomi in catalogo ci sono anche i nostrani Jennifer Gentle), a dimostrazione che un certo tipo di rigidità mentale è soprattutto cosa nostra.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/5/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´