`Estremo Oriente Mediocre Occidente´

Autore disco:

Farabrutto

Etichetta:

Freecom/Doc Servizi (I)

Link:

www.myspace.com/farabrutto
www.freecom.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Girasole 2) Vivere 3) Gioia 4)Guerra 5) Danza 6) Contenimento 7) Madrefiume8) Streghe di città 9) Con le gambe mie 10) Mondo degli elastici11)Retorica

Durata:

46:53

Con:

Luca Zevio, Niccolò Sorgato, Sbibu

Stile

x Alberto Carozzi

Ci han messo un po' i Farabrutto a pubblicare il nuovo album, ben sei gli anni di distanza dall'esordio, sempre in casa Freecom/RaiTrade. Di questi tempi, per tempi simili, non sembra esserci spazio. Invece Freecom ha continuato a crederci, loro non si sono disuniti, e dopo una peregrinazione in ambito teatrale (terreno che si intuisce essergli congeniale), rieccoli alle prese con dodici nuove canzoni certamente non votate all'immediatezza e con la precisa intenzione di non finire nel calderone dell'usa e getta.
Un progetto molto ambizioso ed estremamente coraggioso, che nasconde diversi strati di immagini e contenuti.
Alla guida e firma dei brani del terzetto veronese è sempre Luca Zevio, chitarra classica ma soprattutto voce limpida e orientata verso uno stile narrativo, attenta a non abusare del proprio talento (giusto un paio di db in meno non avrebbero guastato se proprio vogliamo essere pignoli) e capace comunque di melodie molto efficaci. I brani pur mantenendo una stretta parentela con le rotte già percorse da Marta sui Tubi o Virginiana Miller tanto per citarne alcuni, vengono subito gettati in pasto alle intelligenti elaborazioni musicali dei soci Sorgato (sue le pregiatissime incisioni seventy tralaltro mica suonate con una dodicicordedoppiomanico ma con un mandolino elettrico distorto) e Sbibu (batteria), che spaziano con disinvoltura dal progjazz Crimsoniano a libere improvvisazioni ora confinate in coda a qualche brano (per esempio Con le gambe mie), ora capaci di reggere interamente i quattro minuti di uno stralunato e smarrito lamento (ascoltare Contenimento, forse il brano migliore di tutto il disco). Non si nega nemmeno un tuffo nelle sonorità di quei Litfiba degni di nota che faceva piacere assimilare a Diaframma e CCCP.
Non è il migliore dei mondi possibili quello raccontato da Zevio; il disincanto di Girasole, brano d'apertura, ci descrive gli amari ingredienti di una comune esistenza con allegato kit di bieca sopravvivenza. La solitudine è sia condizione essenziale che dramma di emarginazione: l'incomprensione si fa pazzia in Gioia, e il bisogno di comunicare diventa gabbia per sognatori (Danza). È il cinismo a dettare l'agenda e a scandire il calendario delle emozioni nel surreale minuto di silenzio che taglia in due la spensieratezza di una comitiva in gita (Guerra).
La testa concentrata su questo disco mi suggerisce un aggettivo su tutti: intelligente. Ottime idee, esecuzione pregevole, un bel gusto nell'assemblaggio: tutti bersagli centrati. Ora sarebbe bello anche veder puntare un po' l'attenzione su questa band, ma questo è un altro discorso.
“Di questi tempi si può anche vivere contenti...ma poi...”


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/4/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´