`Composition O´

Autore disco:

Vincent Glanzmann & Gerry Hemingway

Etichetta:

Fundacja Słuchaj! (PL)

Link:

sluchaj.org/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Composition O Part 1 2) Composition O Part 2 3) Composition O Part 3 4) Composition O Part 4 5) Composition O Part 5 6) Composition O Part 6

Durata:

36:33

Con:

Vincent Glanzmann, Gerry Hemingway

fathers and sons

x mario biserni (no ©)

Due percussionisti di diversa generazione e dal diverso percorso artistico. Senz’altro più ricco quello di Hemingway, che in oltre quarant’anni di attività ha suonato con il gotha del jazz sperimentale, partecipando a innumerevoli progetti e suonando in altrettanto innumerevoli concerti e dischi. Di fronte a tanta magnificenza non si tira comunque indietro il percussionista svizzero Vincent Glanzmann, che rappresenta ben più di quella che suole definirsi una giovine promessa, e riesce a porsi da pari a pari con il più celebre compare. Credo sia inutile ripetere per l’ennesima volta qual è l’importanza assunta nella contemporaneità dalla musica per sole percussioni (in occidente, ché in altre parti del pianeta riveste già da tempo un ruolo di primo piano). Le percussioni non sono più semplici dispensatrici di ritmo e neppure balocchi destinati alle sottolineature e/o alle punteggiature. Sono, in tutto e per tutto, strumenti destinati alla creazione complessiva del tessuto sonoro, al pari e non da meno degli altri strumenti musicali (e prendete il termine strumenti nella più ampia accezione possibile).
Ecco che in questo disco di sole percussioni i brani non sono esempi ritmici, break o i classici a solo improvvisati ma, com’è sottolineato dai titoli, vere e proprie composizioni, studiate, elaborate e registrate in uno studio di registrazione, con la coppia a farsi carico del lavoro complessivo, non solo l’atto pratico del suonare ma anche la registrazione, il missaggio e la produzione. Musicisti nel senso più completo e moderno del termine, le cui competenze travalicano il semplice battere con una bacchetta su un tamburo.
I due orchestrano impeccabilmente questa sinfonia in sei parti, distribuendosi i ruoli e alternandosi negli stessi e alle varie percussioni utilizzate, e nella quinta parte Hemingway azzarda pure una nenia vocale. Chiaramente c’è del ritmo, come nella seconda parte, ma ci sono pure fasi melodiose nelle quali i suoni si allungano e si dilatano all’inverosimile, con i due concentrati sul controllo di echi, volumi e feedback.
È chiaramente impossibile attribuire all’uno o all’altro la derivazione dei singoli suoni, ma è comunque il gioco d’insieme a dimostrare come il flirt fra i due sia di tipo elettivo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/6/2020

`La Chiamata´  

`Alimurgia´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´