`The Whole Thing´

Autore disco:

Reciprocal Uncles

Etichetta:

Amirani (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) The Whole Thing

Durata:

50:48

Con:

Gianni Lenoci, Gianni Mimmo

l'ultimo approdo degli zii

x mario biserni (no ©)

“The Whole Thing” è un disco bello, interessante, importante e perfino commovente. La sua registrazione risale infatti al 17 Maggio 2019 e solo quattro mesi dopo, il 30 Settembre 2919, Gianni Lenoci terminò il suo percorso su questo mondo. Si tratta quindi, molto probabilmente, della sua ultima registrazione (sicuramente di una delle sue ultime). Quasi un testamento sonoro.
Con l’omonimo Gianni Mimmo si era creato un feeling particolare che aveva portato sia alla collaborazione come Reciprocal Uncles sia alla produzione su Amirani (il marchio gestito dallo stesso Mimmo) di alcuni suoi importanti progetti (le registrazioni dedicate a Morton Feldman e a Earle Brown).
Rispetto al loro disco precedente, l’eponimo “Reciprocal Uncles” del 2010 che si svolgeva nell’arco di 8 brani, questo CD comprende un solo titolo, una fantasia per pianoforte e sax soprano di oltre 50 minuti (*). Si tratta però di 50 minuti veramente intensi, come se i due musicisti fossero consapevoli che questa era l’ultima occasione di collaborare riservatagli dal destino.
La musica scorre come una specie di moto perpetuo, nel cui contesto i due paiono rigenerarsi a vicenda. Un gioco di rimbalsi che, se non venisse meno la resistenza fisica, potrebbe protrarsi all’infinito, senza perdere mai quella tensione che tiene l’ascoltatore inchiodato all’ascolto.
È una musica dotata di una grande libertà armonica, quella dei due, che però non sfocia mai nella dissonanza vera e propria.
Godetevi quello che per Lenoci è un estremo regalo e per Mimmo l’ulteriore tappa di un percorso ben distante dal definirsi concluso.
Per il secondo a breve la recensione di una nuova spettacolare collaborazione con Luca Collivasone e il suo intonarumori.
(*) Per amor di precisione, o per pignoleria, sosterranno i maligni, devo citare anche un CD registrato in pubblico nel quale ai due si aggiungono i clarinetti bassi di Ove Volquarts e le percussioni di Cristiano Calcagnile.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 14/7/2020

`Canto Fermo´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´