`Laylet el Booree´

Autore disco:

Ifriqiyya Electrique

Etichetta:

Glitter Beat (D)

Link:

www.glitterbeat.com

Formato:

LP, CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Mashee Kooka 2) He Eh Lalla 3) Beesmeellah Beedeet 4) Moola Nefta / 1) Habeebee Hooa Jooani 2) Nafta Naghara 3) Danee Danee 4) Wa Salaat Alih Hannabee Mohammad 5) Mabbrooka

Durata:

47:44

Con:

Yahya Chouchen, Fatma Chebbi, Tarek Soltan, Gianna Greco, François R. Cambuzat, Ali Chouchen, Abdelrraouf Ehchaich, Sofiane Kaddouri, Selma Chouchen , Raba Chouchen

l’incontro problematico, e pure entusiasmante, fra due mondi agli antipodi

x mario biserni (no ©)

Con questo “Laylet el Booree” l’esperienza di François R. Cambuzat e Gianna Greco alla corte degli Haussa giunge alla seconda, e probabilmente ultima, documentazione grafica. Dopo le registrazioni si è creata infatti una ruggine che ha messo in forse gli stessi concerti destinati alla promozione del disco. Peccato, perché il melange fra noise-rock-industrial e tribalismi-afro-ritualisti pur scricchiolando, com’è inevitabile, ha portato nuovamente a un risultato di livello elevato. Seppure, va detto, un’attenzione più pronunciata verso la struttura dei brani mette maggiormente in risalto la forma canzone rispetto al parossismo selvaggio tipico del disco precedente. In chiusura due brani come Wa Salaat Alih Hannabee Mohammad e Mabbrooka, una nenia devozionale il primo e un bolo da cui traspare un’anima rock il secondo, sembrano stare lì ad avvertire che la forbice si va allargando. Quella che viene a mancare, e che pone fine all’esperienza, più che un’armonia musicale è però una probabile incomprensione di tipo culturale. Da una parte la musica come patrimonio comunitario e dall’altra la musica ridotta, checché se ne dica, all’equivalente di merce.
Quella che sto recensendo è la copia in vinile di “Laylet el Booree”, la versione compact dovrebbe contenere un lungo brano in più (Galoo Sahara Laleet El Aeed).


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/3/2020

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´