`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´

Autore disco:

Kongrosian

Etichetta:

Aut Records / Oltrarno Raw (D/I)

Link:

www.autrecords.com/
www.oltrarnorecordings.com/

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Tidal Forces 2) Mikrokosmos 3) Tensegrity part II 4) Freak Out / 1) Tensegrity part II 2) Mikrokosmos 3) Tidal Forces

Durata:

40:00 ca

Con:

Alberto Collodel, Davide Lorenzon, Ivan Pilat, Stefano Meucci, Daniele Papini, Thomas Brinkmann

un gran disco per un piccolo traguardo

x mario biserni (no ©)

Se non sbaglio Kongrosian nasce, discograficamente parlando, all’inizio del millennio come trio guidato dal sassofonista Ivan Pilat, più Stefano Giust alla batteria e Federico De Pizzol alle tastiere (un disco su Setola di Maiale). La sigla è stata poi ripresa a rappresentare un trio di ance che, con l’ausilio di vari ospiti, all’inizio dello scorso decennio pubblicò alcuni dischi per l’allora neonata Aut Records (il primo numero del catalogo Aut è proprio “Bootstrap Paradox” firmato Kongrosian e Oreste Sabatin). È quindi con una ferrea logica che, per festeggiare la cinquantesima pubblicazione in dieci anni di attività, è stato scelto dall’etichetta berlinese un disco del trio che, a fiancheggiare il sax baritono del Pilat, vede schierati Davide Lorenzon al sassofono tenore e Alberto Collodel al clarinetto basso. La Aut sfrutta l’occasione anche per azzardare la sua prima emissione in vinile, un bel LP di colore rosso stampato in sole 200 copie, dopo un lungo periodo tutto giocato sul più economico supporto compact.
Ottima scelta, dacché la divisione del vinile in due lati asseconda sia la natura del disco, strutturato in due parti ben distinte, sia l’idea di split fra la Aut e la Oltrarno Recordings (che ha condiviso la produzione).
Il primo lato del disco vede all’opera il trio di ance nella sua forma più pura; una formula, questa, che ha radici espressamente nel jazz contemporaneo (credo che le prime sperimentazioni di questo tipo si debbano a Eric Dolphy). Il primo brano è una istantanea collettiva, con i tre fiati che lottano strenuamente, in un sovrapporsi di ritmi e melodie, fino a raggiungere inaspettatamente nel finale una situazione di tregua fatta di linee armoniche contigue. Mikrokosmos e Freak Out, firmati da Pilat, sono i brani più ariosi e condiscendenti alla melodia e ai fraseggi, senza però rinunciare agli intrecci armonici, alle fughe, ai netti contrasti timbrici, in pratica a qual caleidoscopio di colori che rimandano al “Free Jazz” di Ornette Coleman e alla pittura di Pollock.
Tensegrity part II, firmato da Collodel, è il brano più inquietante, con i suoi stacchi netti e repentini a rimetterne continuamente in discussione la struttura, ma anche con l’ampio spazio riservato al fraseggio dei tre strumentisti. L’ingrediente che accomuna i quattro brani è comunque l’imprevedibilità, ne comprendi l’inizio ma non riesci mai a immaginare dove il percorso finirà per portarti.
Il secondo lato, gestito dalla Oltrarno, è occupato dai remix di tre dei quattro brani, chiaro omaggio ai ritmi techno e house che imperversano nei club berlinesi. Apre le danze, nel senso letterale del termine, Cloud Of Illusions (aka Stefano Meucci, uno dei fondatori della Oltrarno Recordings) con quella che è forse la versione più rispettosa dell’originale, comunque visionaria e ricca di sfumature. La versione remix di Mikrokosmos, affidata a Daniele Papini, ha caratteristiche meno domestiche e i ritmi, secchi e spigolosi, predominano riducendo gli originari intrecci dei fiati a pochi tratti oscuri e notturni.
Brinkmann, inaspettatamente, evita le cavalcate ritmiche per coagulare i suoni in grumi di rumore. Insolito e stupefacente.
Attendiamo ora con ansia il 100° numero del catalogo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/4/2020

`Canto Fermo´  

`Colmorto´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´