`Moondrive´

Autore disco:

Moondrive

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

moon-drive.bandcamp.com/

Formato:

LP, D

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Swallowing A Toad 2) Last Minute Of The Last Day 3) Particular 4) Old Dark Wild Beast 5) Not Anymore 6) Samurai 7) Finders Keepers 8) Bear 9) The Elephants Are Small 10) Violet Moon 11) Two Of Us

Durata:

45:46

Con:

Emanuele Cicerchia

un musicista acerbo ma (molto) promettente

x mario biserni (no ©)

Emanuele Cicerchia è cresciuto nello stesso humus che ha dato i natali a Sycamore Age, Walden Waltz, Ant Lion, Ask The White … e da tale humus a tratto chiaramente linfa vitale. La sua musica è fatta di atmosfere avvolgenti e melodiose segnate da una conturbante e vivida luminosità noise-psichedelica. La voce immersa nei suoni fa pensare soprattutto a gruppi come My Bloody Valentine, Ride e Slowdive. Rispetto ad altri gruppi della scena aretina, tipo Sycamore Age, la cerchia di influenze è qui molto più ristretta, e questo fa sì che il risultato risulti meno variegato e anche meno personale. Un altro elemento di critica può concernere un certo gap fra la qualità della scrittura e qualche zoppicamento a livello di una produzione che, soprattutto, mi sembra difettare in dinamiche. Non va però dimenticato che si tratta di un primo disco, realizzato in condizioni pressappoco amatoriali, e che il Cicerchia lascia intravedere qualità non comuni. Joe Boyd potrebbe anche ricavarci un nuovo Syd Barrett … purtroppo se di nuovi Barrett in giro ce ne sono, a guardar bene, di nuovi Boyd non si intravede neppure l’ombra. Questo è uno dei grossi problemi che attanagliano oggi le produzioni musicali.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/11/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´