`Syria´

Autore disco:

A-Septic

Etichetta:

Amirani Records (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Sūriyā (prologue) 2) Storm / Wi(n)dow / Me 3) Neve Rossa 4) Unreachable Consonance 5) Sounds 6) Broken Watch 7) Sūriyā (epilogue)

Durata:

40:55

Con:

Stefano Ferrian, Simone Quatrana

per chi pensa che la musica jazz ha esaurito gli stimoli creativi

x mario biserni (no ©)

Registrato nel Settembre / Ottobre del 2017, e non casualmente intitolato con il nome della martoriata regione mediorientale, “Syria” coglie in duetto il sax tenore di Stefano Ferrian e il pianoforte di Simone Quatrana. Improvvisazione, o composizione istantanea com’è uso dire oggi *, che ripercorre la tradizione jazz moderna da Sonny Rollins ai chicagoani dell’AACM (ma mi sembra di cogliere anche l’influsso di Paul Desmond, che però suonava il sax alto). Questo per quanto riguarda Ferrian. Nel tocco elegante di Quatrana sembrano invece prevalere le reminiscenze del pianismo jazz bianco, con un’impostazione che riflette quasi sempre la tradizione musicale classico-occidentale. Il duo è sufficientemente rodato (un suo precedente CD era stato pubblicato nel 2014 su DEN Records) e le sette piste non presentano sbavature, restandosene delicatamente in sospensione fra reminiscenze cool e attitudine post-free. “Syria” è un CD particolarmente consigliato a chi crede che la musica jazz abbia esaurito ogni propulsione creativa e non abbia più niente da dire. * Dovrò chiedere a qualcuno quali sono le sottili differenze che distinguono l’una dall’altra definizione.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/11/2018

`Gratitude´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´