`Tajaliyat´

Autore disco:

Achref Chargui Trio

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

afoforomusicclub.bandcamp.com/album/achref-chargui-trio-tajaliyat
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1911

Email:

Formato:

CD, D

Anno di Pubblicazione:

2016

Titoli:

1) Relampago Negro 2) O Arrevuoto 3) Kandinsky 4) Miracle 5) Katacumbia 6) ’Ud Taksim 7) Rakeb el Hamra 8) Dub al Tajaliyat 9) Vulcano 10) Lella Manoubyya 11) Rakeb al Remix

Durata:

42:00

Con:

Achref Chargui, Piero Spitilli, Jacopo Andreini, Giacomo Sferlazzo, Ruben Caliandro

atto secondo per il trio italo-tunisino

x mario biserni (no ©)

La seconda prova del trio guidato dal tunisino Achref Chargui conferma tutto ciò che di buono s’era visto nei concerti e s’era sentito nel suo CD d'esordio “Exagéré”. Se mai, il tempo e l’esperienza hanno aumentato la coesione senza, pur tuttavia, adombrare ancora le musiche con la patina del mestiere. La gioia di suonare insieme prende ancora il sopravvento nelle giocose intarsiature che ricordano le stesse figure astratte che adornano le moschee e nelle quali jazz, rock e musiche arabe coesistono senza che vi siano attriti culturali di sorta. La collaborazione di Sferlazzo (voce recitante) e Caliandro (tromba), in Dub al Tajaliyat, apre al trio ancche nuove prospettive. Così come l’arrangiamento elettro-elettronico in Rakeb al Remix. Indifferentemente dal punto d’osservazione, “Tajaliyat” è un gran bel disco.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/11/2018

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´