`Omaggio a Marino Zuccheri´

Autore disco:

WK569

Etichetta:

Boring Machines (I)

Link:

boringmachines.it
www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=424

Formato:

LP

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) 01 2) 10 3) 11

Durata:

17:52

Con:

Federico Troncatti, Ezio Martinazzi, Pier Enrico Villa

impagabile

x mario biserni (no ©)

A proposito di Marino Zuccheri, figura storica di non-musicista, vi rimando alla recensione che facemmo alla sua unica composizione musicale (al link che trovate sopra, e comunque digitandone il nome su un motore di ricerca potete trovare più d’una informazione a suo proposito). Questo omaggio al tecnico e mente dello Studio di Fonologia Musicale della RAI di Milano, ad opera di tre musicisti / ingegneri del suono della Val Camonica, ne ripristina idee, metodologie e mezzi rapportandoli alle possibilità offerte dall’evoluzione che lo strumento elettronica ha avuto nel frattempo. Il risultato ottenuto da questi tre nipotini di Russolo è un rincorrersi futurista di suoni, o un dialogo alieno fra automi, che si pone fra la soundtrack per thriller e il sottofondo di una sala macchine tecnologizzata. Impagabile e indispensabile, soprattutto per chi segue la musica elettronica, questo 12 pollici aggiunge nuovi bollini al punteggio già molto elevato raggiunto dalla Boring Machines.
Permettete adesso una domanda: un parolaio scansafatiche come Vittorio Sgarbi, che si vanta di rappresentare il non plus ultra in fatto di cultura, avrà cognizione dell’esistenza di Marino Zuccheri, WK569 e Boring Machines? Secondo me no, e questo è un ulteriore motivo a favore di questo disco.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 29/12/2018

`The Next Wait´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´