`Vocabularies´

Autore disco:

Meinrad Kneer

Etichetta:

Evil Rabbit (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Sternensaus 2) Short Story I 3) Mixed Media 4) Die Auseinandersetzung 5) Sketch I 6) Des Nächtens 7) Sketch II 8) Short Story II 9) Musik Für Schmetterlinge 10) Sketch III 11) Short Story III 12) Navigation Spatiale 13) Music For Bumble Bees

Durata:

47:23

Con:

Meinrad Kneer

l’arte del contrabbasso

x mario biserni (no ©)

Il contrabbassista tedesco Meinrad Kneer è, in combutta con il pianista olandese Albert Van Veenendaal, fondatore e titolare del marchio discografico Evil Rabbit Records (coniglio maligno, nomignolo contradditorio come potrebbero esserlo bradipo veloce o vigogna carnivora), una delle case discografiche che si va maggiormente distinguendo in ambito di new wave del jazz e le cui produzioni sono individuabili a colpo d’occhio per il look sobrio e personalizzante.
Dopo una manciata di dischi in collaborazione con altri strumentisti – su Try Tone, Creative Sources e, il maggior numero, proprio su Evil Rabbit – Kneer approda al disco per solo contrabbasso. Immagino già, a questo punto, la vostra reazione … «un altro disco di solo contrabbasso, che due maroni, ne esistono già di cotti e di crudi». L’osservazione avrebbe una sua logica, se … ma non verrebbe fatta a proposito di un disco di solo pianoforte o di solo chitarra, e a tal punto questa logica vien a cadere. Bisogna anche tener conto del fatto che Meinrad naviga sulla cinquantina e “Vocabularies” è il suo primo disco in solitudine, laddove succede che pivellini di ben più scarsa esperienza si cimentano senza problema alcuno con la prova in solitudine. Con ciò non voglio dire che questo disco abbia caratteristiche di assoluta originalità o che si tratti di un’opera innovativa, indubbio è il debito da pagare nei confronti del grande Peter Kowald, pur tuttavia Kneer possiede un proprio mood artistico non proprio specifico ma comunque sufficientemente identificativo. Fra le sue caratteristiche un non comune senso melodico, come nello splendido notturno Des Nächtens, e il tentativo di sfuggire all’astrazione tipica di molti suoi colleghi (soprattutto in ambito free), come nel delicato svolazzare di Musik Für Schmetterlinge o nelle altrettanto significative Navigation Spatiale e Music For Bumble Bees. Forse sta proprio in ciò la sua caratteristica principale, nel voler dare un senso concreto alla propria musica.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 26/10/2020

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´