`Memory Loss´

Autore disco:

JD Zazie

Etichetta:

Burp Publications (I)

Link:

www.burpenterprise.com/
www.youtube.com/watch?v=8QJtPflfjps

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Dronicoionico 2) Risacca 3) Fratte 4) B12/B1

Durata:

39:03

Con:

Valeria Merlini

quello che accade fra firenze e berlino

x mario biserni (no ©)

Il percorso che ha portato JD Zazie sotto le luci della ribalta (o meglio: sopra la luce della lampada da tavolo) è all’insegna della discrezione. Se stessi trattando di un prelato userei il termine umiltà, ma l’umiltà è una cosa che poco si addice alla musica. Chi ne ha voglia può andare a rispolverarlo, quel percorso, a partire dal “Jodel Del Segafanciullo” della E-N.E.E.M. Projekt (anno 2002). Ma forse è meglio focalizzare l’attenzione su “Memory Loss” (perdita di memoria), un punto d’arrivo e un punto di partenza allo stesso tempo. Voglio però iniziare dalla scelta del moniker, più che spiegare il disco, perché un nickname azzeccato è più esplicativo di biliardi di parole. Bla bla bla bla è un blaterare che spesso vuol dire poco e ancor più spesso non vuol dire niente. A cosa fa pensare JD (e non DJ) Zazie. È forse solo un giocare al rovesciamento delle lettere? Da destra a sinistra invece che da sinistra a destra, come la scrittura araba. Secondo me c’è molto di più, da una parte sembra esserci l’affermazione sull’essere un DJ, nel senso che ne vengono utilizzati i mezzi e le tecniche, smentita però immediatamente dalla negazione della stessa figura, di una figura che serve solo a far ballare. Ecco, Zazie non è soltanto un DJ, è anche qualcosa di diverso, qualcosa d’altro. Un qualcosa d’altro che appare poi definito nella scelta di chiamarsi Zazie, nome ripreso da un personaggio surreale creato dallo scrittore francese Quenau. Il suo è un vivere nei sogni e di sogni, come per i personaggi di “Les fleurs bleues” dello stesso scrittore. Ma non dovete pensare a qualcosa d’irreale, campato in aria, ché JD Zazie ha i piedi ben ancorati al suolo. O meglio, volendo giocare ancora con la logica degli opposti, ha la testa ben fissata al suolo. La sua è ormai una tecnica sopraffina. Ma quale tecnica?, sento già mormorare. La tecnica, sì, perché per manipolare un mixer serve altrettanta tecnica di quella che serve per suonare una chitarra, una tromba o una batteria, questo è ormai assodato. Il controllo delle manopole del mixer e dei suoni utilizzati è davvero perfetto, privo di sbavature. Mai, dico mai, escono fuori dai diffusori quelle scorregge gratuite, e poco edificanti, che nascono da un cattivo controllo delle macchine e, più spesso di quel che pensate, finiscono per debilitare questo tipo di musiche. E non si sente neppure alcuna semplice e sputtanata banalità. Dovrei adesso scendere con dovizia di particolari sui materiali utilizzati, ma sono riportati con dovizia di particolari e altre numerose notizie nella bella confezione che contiene il CD (in cartoncino 18x18 apribile per 3). Quindi chiudo, tranne aggiungere che “Memory Loss” è un gran bel disco. Tenetevelo stretto e abbiatene cura.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/7/2020

`Canto Fermo´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´