`The Wroclaw Sessions´

Autore disco:

Mark Lotz Trio

Etichetta:

Audio Cave (PL)

Link:

audiocave.pl

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Euterpe 2) Franz 3) Raaste Men 4) Lullaby For Tymon 5) Pata Pata 6) Segment 7) Song Of Delilah 8) Slap, Kick & Stop 9) Little Shiva

Durata:

45:35

Con:

Mark Alban Lotz, Grzegorz Piasecki, Wojciech Buliński

un bel disco di flauto dalle influenze plurime

x mario biserni (no ©)

Registrato a Breslavia, con il flauto del leader accompagnato dal contrabbasso e dalla batteria dei polacchi Grzegorz Piasecki e Wojciech Buliński, questo disco ci propone un Lotz estremamente brillante che scorrazza all’interno della tradizione jazz (Euterpe di Sam Rivers e Segment di Charlie Parker), sconfinando nelle colonne sonore (Song Of Delilah di Victor Young è ripresa da “Samson And Delilah”) e nella musica più propriamente afro (Pata Pata di Miriam Makeba). Questo per quanto concerne le escursioni in terra d’altri, ma i quattro brani che portano la firma dello stesso Lotz (due dei quali composti insieme a Piasecki e uno insieme al flautista indiano Hariprasad Chaurasia) non sfigurano affatto accanto al resto e mostrano influenze di tipo ancor più grandangolare. In particolare metto l’accento su Slap, Kick & Stop, che pare un ulteriore omaggio alla Makeba (nello specifico a quella splendida sinfonia di sospiri che è Amampondo).
Quasi sempre associamo il flauto a un concetto di leziosità …. Giusto, ma questo è il disco che potrebbe riconciliarvi con questo antichissimo strumento.

P.S.: [Mi cospargo la testa di cenere e confesso di ignorare la provenienza di Franz scritta da Michael Moore].


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/9/2019

`Do. So´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´