`Due´

Autore disco:

Radament

Etichetta:

Autoprodotto (E)

Link:

radament.bandcamp.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Otro día 2) Beatus ille 3) Vuelve al mar 4) Danza involuntaria 5) Ensimismado 6) Dithiramba 7) Bla bla 8) Claroscuro 9) 7th St, Vancouver

Durata:

54:46

Con:

Juanjo Fernández, Giorgio Fausto Menossi

il jazz ai tempi del post-rock

x mario biserni (no ©)

Radament è un duo composto dal pianista spagnolo Juanjo Fernández e dal batterista italiano Giorgio Fausto Menossi che, come pragmaticamente suggerisce il titolo del disco, tocca il traguardo della seconda pubblicazione. I due hanno mano veloce e mente fantasiosa ma anche uno spiccato senso melodico, tant’è che i riferimenti li ricercherei nella tradizione jazz più morbida e melodiosa (Bill Evans), senza escludere quella di impostazione più free alla Paul Bley. Di tali espressioni il due rappresenta però una versione contemporanea che avvicinerei a quello che è stato definito post rock, e non c’è solo l’utilizzo delle elettroniche da parte di Menossi a solleticare tali impressioni, c’è ben più, ad esempio la capacità di creare suspense, tipica delle migliori musiche da film, e una ricercatezza e ricchezza di soluzioni che non sfociano mai nell’ampolloso. Anche l’essere duo non sembra avere riferimenti negli esperimenti simili del tardo free-jazz bensì in molte esperienze di coppia consumatesi recentemente nei dintorni della musica rock (post e non). Non mi stupirei affatto se li ritrovassi impegnati a suonare qualche loro arrangiamento di canzoni di Pearl Jam, Björk, Joy Division, Nirvana e Radiohead.
In definitiva "Due" è un disco che ha un suo motivo di essere e trova sicuramente un suo pubblico in quegli ascoltatori che apprezzano le esternazioni meno estreme, seppuranche non banali, della nuova onda jazzistica, della quale il duo presenta tutte le caratteristiche.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/10/2020

`La Chiamata´  

`Alimurgia´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don’t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´  

`Harraga´  

`Rumpus Room´  

`CEPI Meets HIC´  

`Prèludes´  

`The Last Five Minute´  

`Left Hand Theory (Live At Il Torrione)´  

`Collectable Items´  

`Duos & Trios´  

`Sleepless Nights / Lysergic Mornings´ // `Impressioni organizzate di ansie liquide´  

`L’inizio della neve´  

`Another Year Is Over, Let’s Wait For Springtime´  

`Memory Loss´  

`Other Colors´  

`Ebbs And Flow´ // `Staggered Twisted Angled´  

`Live In Pisa´  

`Fellini 100 I Compani 35´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´