`Placid´

Autore disco:

Philipp Eden Trio

Etichetta:

Wide Ear Records (CH)

Link:

wideearrecords.bandcamp.com/album/placid

Formato:

LP, D

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Undercurrent 2) Effervescence 3) Placid 4) Origami 5) Kliing 6) Tuain Of Thought 7) Ruhepol

Durata:

35:53

Con:

Philipp Eden, Xaver Rüegg, Vincent Glanzmann

tradizione e modernismo in precario equilibrio

x mario biserni (no ©)

Il lettore più attento si ricorderà del batterista Vincent Glanzmann, sia per la sua presenza negli ottimi This Difficult Tree sia per il disco in solo “Z/Rzw-Shiiiiiii”, mentre nuovi per le nostre pagine sono i nomi del contrabbassista Xaver Rüegg e del pianista Philipp Eden.
Nel brano d’apertura di questo disco la tensione creata da Glanzmann sui piatti fa pensare a Tony Williams e la pulsazione del contrabbasso a Richard Davis, entrambi punti fermi nello splendido “Out To Lunch” di Eric Dolphy, mentre i riferimenti per Eden sembrano da ricercare soprattutto nella tradizione ‘bianca’ del piano jazz (Evans, Bley, Corea …). In “Placid” alcune piste più classicamente discorsive si alternano a situazioni più d’atmosfera, come Placid e Kliing, dove su tappeti di suono creati dalle percussioni e/o dal contrabbasso archettato le note liquide del pianoforte cadono come gocce da stalattiti. In Ruhepol le due tendenze cercano, e trovano, una loro simmetria. Nell’insieme si tratta di un buon disco dove tradizione e modernismo si fondono in un equilibrio magari precario ma comunque apprezzabile.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/3/2019

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´