`OPS...!´

Autore disco:

Maresuke Okamoto, Guy-Frank Pellerin & Eugenio Sanna

Etichetta:

Setola di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net
www.youtube.com/watch?v=hPheCy1sjd8
www.youtube.com/watch?v=yptupCuLbHo
www.youtube.com/watch?v=hNxkCtg4dHU
www.youtube.com/watch?v=wCMVmsB16Pw
www.youtube.com/watch?v=Jkwx-bWky-4
www.youtube.com/watch?v=1CcmOwSkaBw

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Il concetto del misticismo nei cani 2) Possession 3) L`arte della benevolenza 4) Oscillations 5) Schelettrico 6) Briquer le peroquet 7) Liberty 8) Acustica 9) L`anima della carta rossa 10) Un sassolino dentro la scarpa

Durata:

74:27

Con:

Maresuke Okamoto, Guy-Frank Pellerin, Eugenio Sanna

quando le cose cascano a fagiolo

x mario biserni (no ©)

Ops...!, come espressione di sorpresa.
Come quando il prestigiatore fa uscire una serie infinita di cose dal cilindro.
E OPS (Okamoto, Pellerin, Sanna) ha finito con l`essere anche il nome con il quale il trio si presenta sul palco.
C`è da essere davvero sorpresi dalla verve che i tre mettono in gioco. Queste registrazioni di studio saggiano in dieci brani tutte le loro possibilità espressive, e a tratti può venirne fuori sia un linguaggio vocale disarticolato alla Butthole Surfers, sia un urlio straziante alla Patty Waters e sia una cacofonia anarchica e selvaggia alla Albert Ayler, beninteso soffermandosi solo su alcuni aspetti dei nomi citati. Di base però il linguaggio del trio è molto più poetico e sobrio, seppur quasi sempre tendente a flash di dissonanza, e tale sobrietà emerge non solo dalla maggior parte del disco ma anche e soprattutto dai concerti (a tal proposito vi ho riportato i link per andare direttamente su alcuni video di you tube, uno dei quali è significativamente intitolato il suono del silenzio).
Per la cronaca Okamoto suona quello che mi pare essere un ibrido fra contrabbasso e violoncello, Pellerin si muove con disinvoltura fra sax soprano, sax baritono, sax tenore e un gong suonato con l`archetto, e Sanna manipola la chitarra oltre ad altri oggetti (lamiere di metallo, palloncini e stracci di cellophane rosso). Ne scaturisce un sound eterogeneo figlio di varie suggestioni, all`interno del quale i tre si muovono con circospezione, come cercando di passare inosservati attraverso i suoni senza lasciare traccia del loro intervento. In tal senso trovo decisiva la presenza, e l`influenza che tale presenza esercita sugli altri, del musicista giapponese che, effetto ultimo di una millenaria cultura, riesce a plasmare il tutto di una teatralità fatta di gesti quasi immobili.
Un gran disco, concludendo, ma avendone l`occasione credo che sia ancor più interessante assistere a un`esibizione del trio in carne ed ossa.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/3/2020

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´