`La spensieratezza´

Autore disco:

Limbrunire

Etichetta:

Macramè Dischi (I)

Link:

www.facebook.com/limbrunire/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2018

Titoli:

1) Ci divertiremo 2) D’emblè 3) Decisamente cool 4) Chiuderò occhio 5) Nudi con le scarpe 6) Giovanni non fare tardi 7) Non è allarmante 8) Engagez Vous 9) Ho-oponopono 10) Nomen omen 11) Ci divertiremo - Outro

Durata:

34:39

Con:

Francesco Petacco, Chiara Galeotti, Emiliano Bagnato, Sofia Bianchi, Francesco Zanetti

synth-pop ottantiano

x mario biserni (no ©)

L’esordio discografico è sempre un esame importante, seppure non possa portare mai a un giudizio definitivo e inappellabile sull’esaminando. Francesco Petacco – aka Limbrunire – sembra avere le idee chiare in proposito e confeziona un pregevole dischetto d’impostazione concept. Nel di-enne-a c’è un sybth-pop ritmato e ottantiano, a fare da contraltare a una voce che spesso ricorda nelle intonazioni quella di Battiato. Anche i testi, letterariamente colti e raffinati, e la scelta stessa delle parole fanno pensare al cantautore siciliano. Con questo non voglio affermare che si tratta di un semplice duplicato, dal momento che Petacco ha una personalità in grado di fargli tracciare un proprio percorso. È sufficiente staccarsi un po’ dai modelli del passato e fare qualche passo in avanti. Aspettiamo fiduciosi e, nell’attesa, ci godiamo questa promettente opera prima.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/8/2018

`Tajaliyat´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´  

`NorN´  

`Giraffe´  

`Temps En Terre´  

`A Season´ // `(S)àcrata´ // `Nei resti del fuoco´  

`Live At Konfrontationen Nickelsdorf 2012´  

`The Spring Of My Life´  

`Noises From Melancholia´  

`Meccanismi e desideri semplici´  

`Edges´  

`Una piccola tregua (Live)´  

`Settembre´  

`Amphibian Ardour´ // `Gleadalec´ // `Emerge´  

`Plastic Fantastic´  

`Z/Rzw-Shiiiiiii´  

`Vegir´  

`Quadrature´  

`Lo stretto necessario´  

`Food Foragers´  

`AB+´  

`Disappearing´  

`Porteremo gli stessi panni´  

`Words Delicate Flight´  

`The Irresistible New Cult Of Selenium´  

`Floatin’ Pieces´  

`Girovago´  

`Un tempo, appena´  

`Inscapes´  

`Ortiche´  

`Maledette rockstar´  

`Exuvia´  

`Le nuvole si spostano comunque´  

`Magic Pandemonio´  

`Omaggio a Marino Zuccheri´  

`Gamelan – Coming & Going´  

`Succi con ghiaccio´  

`Si rompe il silenzio nel giardino delle mandragole´  

`Hide & Squeak´  

`Neve´  

`Kintsugi´  

`Tell No Lies´  

`Cronache carsiche´  

`Piccola Orchestra Artigianale degli Improvvisatori di Valdapozzo´  

`Cascata´ // `Plancton´