`Beautifully Astray´

Autore disco:

Abi Wade

Etichetta:

Love Thy Neighbour (GB)

Link:

www.abiwade.com
www.youtube.com/watch?v=C3mkiyf6g_Q
www.youtube.com/watch?v=097pB-A6nKA

Formato:

LP, CD, D

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) A Bit Like Love 2) Reasonable Doubt 3) Laws And Mankind 4) Hawk In Your Side 5) Lucia 6) Wanted 7) Gold Abyss 8) Obsession 9) Vandalising 10) We Are In Sight

Durata:

37:51

Con:

Abi Wade, Jay Malhotra, Dan Copeman, Chris Hamilton, Sarah Latto, Lisa Rost-Welling, Thom Andrews, Jon Bradley, Owen Hughes, Caelia Lunniss, Carrie Topley, Benedict Green, Elin Sian Parry, Madi Aafke Luimstra, Tom Huet, Sophie English, Angie Rance, Marcus Hamblett, Nathaniel Cross, Patrik Kenny, Eric Cannell

consigliato

x mario biserni (no ©)

Di Abi Wade m’aveva inizialmente colpito il modo di utilizzare i quattro arti, un po’ alla Paolo Angeli, per costruire scarni arrangiamenti orchestrali basati sul violoncello e su box e altri attrezzi percossi attraverso dei pedali. In seguito, come un fulmine a ciel sereno, era arrivata la versione con accompagnamento orchestrale registrata alla St. Peter's Church di Notting Hill di uno di quei brani, Faker, ed era una cosa da far accapponare al pelle (ho riportato i link per accedere alle due versioni del brano, quella in solitudine e quella orchestrale). Dopo alcuni singoli ed EP, tutti invariabilmente autoprodotti, è ora il turno del primo LP, per la registrazione del quale la ragazza ha deciso di affidarsi alle orchestrazioni di Sarah Latto, con utilizzo di archi, fiati e cori vocali, oltre a un considerevole ampliamento della gamma di strumenti da lei utilizzati. Ne sorge un disco di folk da camera con la voce della Wade che rimanda all’indimenticabile Billie Holiday. E ne vien fuori, soprattutto, il ritratto ormai compiuto di un’artista deliziosa. Unica nota, non tanto negativa quanto indecifrabile, un gadget allegato alle copie in vinile che non sono riuscito a capire a che cazzo serve. Personalmente avrei preferito un singolo, anche un flexi inciso su un solo lato, con la micidiale versione orchestrale di Faker. Ma tant’è ….


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/7/2019

`L’inizio della neve´  

`The Whole Thing´  

`Composition O´  

`είμαρμένη´ // `Kaczynski Tape Sessions – The Commercial Tape´  

`Awake´ // `Timewise´  

`Wood(Winds) at Work´  

`Poem Pot Plays Pantano´  

`Celante´  

`Busy Butterflies´  

`The Next Wait´  

`Devotion´ // `Kammern I-V´ // `As If You Were Here´ // `Glassware´ // `Kimmig – Studer - Zimmerlin And George Lewis´  

`Live At B-Flat´  

`Sul Filo´  

`Colorless Green Ideas Sleep Furiously´  

`D C´  

`Kaczynski Tape Sessions – The Urban Tape´  

`Laylet el Booree´  

`La Louve´  

`Suites And Seeds´ // `Extended ● For Strings And Piano´ // `Zeit´  

`Dropping Stuff And Other Folk Songs´  

`Amore per tutti´  

`Live At Torrione Jazz Club´  

`The Treasures Are´ // `Up And Out´ // `The Balderin Sali Variations´  

`Astonishment´  

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Rise´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´