`Schwingende Luftsäulen 2´

Autore disco:

Werner Durand

Etichetta:

ANTS (I)

Link:

www.antsrecords.com/
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=1830
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2125

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2019

Titoli:

1) Spiegel 2) Wald 3) Panga

Durata:

60:00

Con:

Werner Durand

colpo gobbo n° due per la ants records

x mario biserni (no ©)

Secondo capitolo di una trilogia dedicata dal tedesco Werner Durand al Pan-Ney, uno strumento musicale da lui stesso inventato del quale abbiamo scritto recensendo il precedente lavoro del trittico. Se in “Schwingende Luftsäulen” il grosso flauto veniva usato con il solo ausilio dei Delays digitali, in questo secondo tomo viene affiancato ad alcuni strumenti più antichi, esattamente Shruti box e organetto Hohner in Wald, e sax tenore in Spiegel e Panga. Non cambiano le coordinate e i riferimenti, Durand ha fatto parte dell’Orchestra Of Excited Strings di Arnold Dreyblatt, che fanno capo alle arti minimaliste.
“Schwingende Luftsäulen 2”, rispetto al precedente lavoro, appare decisamente più ricco, sia a livello timbrico sia a livello di armonizzazioni, e crea forti aspettative e curiosità rispetto a quello che sarà il suggello ultimo dell’opera. Nell’attesa potete avvantaggiarvi nell’ascolto recuperando, coloro che non avessero già provveduto, anche il capitolo precedente.
Esiste un piccolo nucleo di musicisti che stanno a un livello superiore e un altro piccolo nucleo che sta a un livello inferiore, nel mezzo c’è tutto quell’affollamento riconducibile alla cosiddetta aurea mediocritas. Al di fuori da questa massa ci sono poi quei pochissimi soggetti che spostano in avanti le lancette della storia. Durand sembra appartiene a quest’ultima categoria.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/8/2019

`Do. So´  

`Saillances´ // `MétamOrphée´  

`Echoes From The Planet´  

`Live At L’Horloge´  

`O’er The Land Of The Freaks´  

`Hipparchus´  

`Autocannibalism´  

`Songs On The Line´  

`Hyperbeatz vol. 1´ // `俳句´ // `Different Constellation´  

`Daily Drone Dream´  

`Combat Joy´  

`Due´  

`The Wroclaw Sessions´  

`Phase Duo´  

`Tracing South´ // `Stereo´  

`Unknown Shores´  

`Schwingende Luftsäulen 2´  

`That Is Not So´  

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Soufifex´  

`La bottega del suono (Mario Bertoncini. Maestri e allievi.)´  

`Live At Nikodemus Church´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´