`Plastic Fantastic´

Autore disco:

James And The Butcher

Etichetta:

RNC Music (I)

Link:

www.jamesandthebutcher.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2017

Titoli:

1) Intimacy 2) Say My Name 3) The Invisible Boy 4) Loola-Bye 5) Queen Of The Galaxy 6) Core 7) Antibiotics 8) Until I Will Find Her 9) Miracolous Cancer 10) 1th Dimension 11) 2nd Plan

Durata:

40:49

Con:

Francesco James Dini, Giorgio Corna, The Butcher

un disco per fan di genere

x mario biserni (no ©)

I cambi di ritmo e d’atmosfera di Intimacy possono far pensare a gruppi del primo progressive come Genesis, Van der Graaf e (soprattutto) Jethro Tull, con un’attitudine glam e un tocco melodrammatico alla Bono Vox nella voce. La pluralità del primo brano riappare, però più parcellizzata, nei brani successivi, dove sembrano far capolino altri nomi come Ian McCulloch e, soprattutto, David Bowie (con le sue note capacità trasformiste). Alcune variazioni sul tema, tipo qualche flash hip hop, non inficiano la predisposizione glam che dal succitato Bowie sembra portare dritta dritta fra le grinfie di Trent Reznor. In definitiva James And The Butcher non propongono nulle di particolarmente originale o personale, ma quello che fanno lo fanno piuttosto bene. “Plastic Fantastic” non è un disco che piacerà agli appassionati di musica, ma può comunque piacere ai fan dei generi musicali (e degli artisti) citati.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/3/2019

`Depth Sounding´ // `quando ero un bambino farò l’astronauta´  

`Songs from The Eternal Dump´  

`Cosa potrebbe accadere´  

`Avrei Dovuto Odiarti´  

`The Night Of The 13th’ Moon´  

`10, A Brokken Records Special Edition´  

`OAK´  

`Octo´  

`fourtyfour fiftythree´  

`Antinodal´  

`IMAfiction: Portrait # 01 - # 10´  

`Placid´  

`Music For Cat Movies´  

`Air Skin Digger´ // `Sidereal Deconposition Activity´  

`Milano´ // `Sinking Into A Miracle´  

`Light From Another Light´  

`Drift´  

`Repeat Please!´  

`Sum And Subtraction´ // `2. Akt´ // `Utopia´  

`Metaphysics Of Entropy´  

`Chambery´  

`Flares´  

`OPS…!´  

`W´  

`Live At Kühlspot´  

`22:22 Free Radiohead´  

`Dance Mystique´  

`Diciotto´ // `Em Portugal!´ // `A Pearl In Dirty Hands´  

`Livebatts!´  

`Doublethink´  

`Explicit´ // `Clairvoyance´  

`Gratitude´  

`Kalvingrad´  

`Damn! Freistil-Samplerinnen 4 + 5´  

`L’inottenibile´  

`Four Waves´  

`Beats´  

`Vostra Signora Del Rumore Rosa´  

`777+2 Per Aspera Ad Astra´  

`Emblema´  

`Tajaliyat´  

`Moondrive´  

`Collected Wreckages´ // `Shallow Nothingness In Molten Skies´ // `Blind Tarots´  

`Selected Works For Piano And/Or Sound-Producing Media´  

`Triad´ // `Mokita´  

`Syria´  

`Humyth´  

`La spensieratezza´  

`Come tutti gli altri dei´  

`The Cold Plan´  

`Jukebox all’idroscalo´  

`Beautifully Astray´  

`Pulsioni oblique´ // `For Anita´ // `Musica per camaleonti´  

`Leaking Words´