Czech tour    di Mattia Coletti





02.02.2007 ├ÜstÍ n. Labem @ ExperimentßlnÍ prostor Mumie
03.02.2007 Jihlava @ FaleÜnß Morßlka
04.02.2007 Wien @ Einbaumobel
05.02.2007 Brno @ Starß pekßrna
06.02.2007 Fr├Żdek- MÍstek (Ostrava) @ Pod svÍcnem
08.02.2007 Praha @ radio cz
08.02.2007 Praha @ record shop
08.02.2007 Praha @ PopocafÚpetl
09.02.2007 SuÜice (Plzeň) @ TradičnÍ kloub
10.02.2007 Tßbor @ CafŔ 007
11.02.2007 ČeskŔ Budějovice @ Velbloud


Come un piccolo diario di bordo... mi piace scrivere di questo che Ŕ stato un tour molto particolare, perchŔ fatto in terre a me quasi sconosciute.
Terre cosý aride e a l tempo stesso piene di passioni, di arti... di cultura...
Nella mia testa l'est europeo Ŕ sempre stato affiancato ad un'immaginario di grande talento, forza ed eleganza.....
Tutto il mio tour Ŕ stato affiancato da Selfbrush, cantautore ceco che promuoveva il suo ultimo disco "Three Names", ed Ŕ stato possibile grazie all'aiuto di Dan della Minority Records di Praga.
Selfbrush girava assieme a Bethany, violinista di origine koreana ma di residenza americana, che ha anche dei progetti solisti elettroacustici.
L`accoppiata si Ŕ rivelata vincente: il suo un live molto classico e intimista e il mio pi¨ `deviato` e `informale`.
Le date erano quasi sempre in piccoli paesi, aridi e desolati, dove fai davvero difficoltÓ a pensare che ci possa vivere gente e sopratutto che possa arrivare una cultura musicale di ricerca.
E invece sono stato incredibilmente ben accolto, sorpreso e sedotto da un pubblico caldissimo, attento, colto e per nulla isolato come invece lo sono le loro case...
Praga fa chiaramente eccezione, essendo molto `giovane`... lý ho trovato una grande affinitÓ con quelle che sono le nostre realtÓ , sia come club sia come movimenti attorno a produzioni musicali ed artistiche.
Invece che fare un elenco delle date, una per una, mi va di soffermarmi su alcuni momenti del tour, i pi¨ significativi.
L'arrivo e, dopo due ore, la prima data !! A Vienna, persi per ore per cercare il locale!... a Frydek Mystek, dove uno del pubblico grida alla fine di un mio pezzo: źbellisssimo!!╗, a Ceske Budejovice dove io, Selfbrush e Bethany improvvisiamo per venti minuti... a Praga, dove ritrovo il caro Xabier, giÓ lý a montare le sue cose sul palco quando entro nel locale...
E` stato un po' un tour mistico per me, sempre a contatto con una lingua tanto sconosciuta quanto impossibile da capire...
Nota dolente per il cibo, a tratti veramente difficile (in questo non pu˛ certo competere con il Giappone *-*), ma la birra Ŕ buonissima e non costa nulla!!!
Con Selbrush Ŕ stato un conoscersi giorno dopo giorno, e giorno dopo giorno si Ŕ instaurato un ottimo rapporto umano e un buon feeling, tanto che nelle ultime date io suonavo in alcuni suoi pezzi e lui nei miei.
Tra i ricordi migliori c`Ŕ sicuramente la data a Tabor, paese piccolino dove ho trovato un'accoglienza splendida e persone speciali e la giornata di Praga con le sue tre date in un giorno, dove l'ultima mi ha visto affiancato da Xabier Iriondo... (venuto fin lý per quell`unico concerto e di ritorno a Milano il giorno dopo!!!)
Un breve resoconto di questo tour e, per chi lo leggerÓ , una finestra aperta su quelli che sono secondo me sonio luoghi in piena evoluzione e crescita, tanto che in un futuro non troppo distante potrebbero diventare mete mirate per scambi culturali, ecc.
A fine Settembre far˛ un tour con Selfbrush in Italia... uno scambio per l'appunto...

link utili:
www.minorityrecords.com
www.selfbrush.com
www.beseppy.com


ANGOLI MUSICALI 2016  

Manuele Cecconello (intervista)  

le ricette creative della centenaria nonna rosa  

marco becker (intervista)  

i bassotti  

Czech tour  

Terminal (con intervista a Luca Pakarov)  

Angelo Petrella  

The Didgeridoo Discovery  

Polvere - Memorie del tour giapponese  

Elegia del Super 8  

Scatti in Movimento  

tepuy - el mundo perdido  

L'albero che Canta (recensione)  

Ecologia della musica - Saggi sul paesaggio sonoro ( recensione)