`Virus´

Autore disco:

Sonic Alliances

Etichetta:

Viande Records (I)

Link:

www.viande.it/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Virus A 2) Virus B 3) Virus C 4) Virus D 5) Virus E 6) Virus F 7) Virus G 8) Virus H

Durata:

48:13

Con:

Peppe Vietri, Maurizio Chiantone, Mario Gabola, Davide Russo

giudizio più che positivo

x mario biserni (no ©)

Sonic Alliances è, strutturalmente, un collettivo aperto – per fare un esempio celebre direi tipo l’Art Ensemble Of Chicago, con una formazione base comprensiva di percussioni, contrabbasso, sax e fisarmonica che, essendo i quattro polistrumentisti e utilizzando tecniche e non tecniche estese, può ampliarsi a dismisura.
Gli otto brani, per quasi 50 minuti di musica, come si evince dalle note sono estratti da ben 3 ore di improvvisazione collettiva.
Questi elementi, conciliati alla presenza di Gabola (il quarto che più c’è noto), farebbero pensare a una musica ostica al di là di ogni umana comprensione. E invece … non voglio sostenere che “Virus” sia un disco da ascoltare come sottofondo a colazione, alla maniera di una qualsivoglia Lady Gaga, ma penso che può essere apprezzato da un pubblico piuttosto ampio, in ispecie da chi ha confidenza con le musiche improvvisate. Oasi di melodia, sottratte al rumore e ai feedback, dovute soprattutto al contrabbasso di Chiantone, alla fisarmonica di Russo e alle stesse percussioni di Vietri, uniti all’uso della voce da parte del primo, riescono a rendere l’insieme più facilmente assimilabile. La voce, in particolare, finisce sempre con il rappresentare un elemento di alleggerimento. Pensate solo a come lo stesso brano in versione cantata riscuota un successo molto più ampio rispetto alla sua versione strumentale.
La sintonia e la sicurezza degli impasti strumentali fa pensare a un ensemble molto più navigato di quanto lo sia in realtà. Gabola & co hanno davvero messo a segno un bel colpo.

Prossimamente: “Tempoo” dei Compani Extended & Voices; “Folk! Volume 1” // “Folk! Volume 2” di Roberto Fega; “Ilta” di Stefanie Abderhalden & Kyle Flens; “Spinifex Sings” degli Spinifex; “Arkinetics” di Dan Kurfirst; “Austin Meeting” di A Spirale / Makoto Oshiro / Takahiro Kawaguchi; “Shirwku” della Zebra Street Band; “Black Holes Are Hard To Find” di Frank Paul Schubert, Kazuhisa Uchihashi & Klaus Kugel; “Songs In Time Of Plague” di Alex Lubet …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/9/2023

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´