`Signals´

Autore disco:

Lawson & Merrill

Etichetta:

Neuma Records (USA)

Link:

neumarecords.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Morning Meditation 2) A Day At The Beach 3) Rivière 4) Dark Angel 5) Coda

Durata:

56:47

Con:

David Margolini Lawson, David Merrill

elettronica un po’ datata

x mario biserni (no ©)

È ormai da tempo che l’attività del musicista, in quanto tale, è messa in discussione. Concetti come disegnare la musica vanno sostituendo il classico scrivere la musica e di pari passo termini come scultura sonora o paesaggio sonoro vengono utilizzati in vece del canonico composizione. Senza dimenticare che da tempo ormai immemore Brian Eno ha teorizzato una musica per non musicisti. Quindi non può cogliere di sorpresa, né stupire, la constatazione che i due David autori di “Signals” sono degli ingegneri. Lo stesso metodo operativo - uno dei due prepara una traccia sonora e la passa all’altro che provvede a una sua elaborazione - non rappresenta certo una novità essendo già stato sperimentato sia dalla mail art sia da precursori di vecchia data quali sono stati i futuristi, i dadaisti, i surrealisti e gli aderenti al movimento Fluxus. Tali premesse, e gli sviluppi della musica elettronica al cui ambito “Signals” appartiene tout court, parrebbero creare i presupposti per una musica al passo coi tempi, se non proprio estremamente innovativa. Nulla di tutto ciò ci è dato di ascoltare, dal momento che i cinque brani del CD, sia quelli dalle sonorità più avvolgenti sia quello più ritmato (Rivière) non muovono alcun passo in avanti rispetto ai pionieri delle musiche per synth o ai classici della Kosmische Musik (penso ai primi Kraftwerk e ai Tangerine Dream). Un’occasione sprecata.

Prossimamente: “Hide Nothing” // “Before Then” dei Tell No Lies //Tim Trevor-Briscoe, Szilárd Mezei & Nicola Guazzaloca; “Virus” dei Sonic Alliances; “Tempoo” dei Compani Extended & Voices; “Folk! Volume 1” // “Folk! Volume 2” di Roberto Fega; “Ilta” di Stefanie Abderhalden & Kyle Flens; “Spinifex Sings” degli Spinifex; “Arkinetics” di Dan Kurfirst; “Austin Meeting” di A Spirale / Makoto Oshiro / Takahiro Kawaguchi; “Shirwku” della Zebra Street Band; “Black Holes Are Hard To Find” di Frank Paul Schubert, Kazuhisa Uchihashi & Klaus Kugel; “Songs In Time Of Plague” di Alex Lubet …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/6/2023

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´