`The Soundtrack Of Your Secrets´

Autore disco:

Andrea Bellucci & Matteo Uggeri

Etichetta:

13 (I)

Link:

13.silentes.it/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2022

Titoli:

1) Feeding Chocolate Horses 2) At Least We Have A Chance 3) Shogun First Announcement 4) A Gift From A Debt 5) And Then Came The Fever 6) January Kills Again 7) Escape From Self Surveillance 8) Opinions About Death

Durata:

42:47

Con:

Andrea Bellucci, Matteo Uggeri, Dome Bulfaro, Alberto Carozzi, Franz Krostopovic, Cristiano Lupo, Fabio Ricci, Andrea Serrapiglio

le vie del disco sono infinite

x mario biserni (no ©)

Per sapere se un disco ti piace o non ti piace è bene ascoltarlo al buio, senza sapere chi lo ha fatto, senza vedere come è stato confezionato, senza nessuna informazione su quale strumentazione è stata utilizzata, in modo da addentrarsi nell’ascolto senza preconcetti e senza nepotismi. Quello che ne esce è il classico giudizio alla Andy Luotto (buono o non buono).
Cosa ben diversa è capire un disco. Un disco, per essere capito veramente, ha bisogno di mostrarsi, di denudarsi, di lasciar capire di che pasta è fatto, con quale strumentazione è stato creato, chi sono i suoi autori e qual è la loro storia; per capire appieno un disco devi conoscere nei minimi particolari la sua genesi.
In un foglio allegato alla sua confezione i due autori narrano del loro rapporto e di come è nato “The Soundtrack of Your Secrets”, ed ecco che il disco si schiude ai nostri occhi come una vongola in padella!
Bellucci e Uggeri non si sono mai incontrati, non si sono mai visti e non conoscono neppure la voce l’uno dell’altro. La loro è una relazione astratta, fatta di comunicazioni tramite posta elettronica, e il disco è il frutto della collaborazione virtuale che ne è derivata. Una virtualità addirittura resa quasi obbligatoria dalle misure anti-covid. Quindi si tratta di un figlio della contemporaneità, ma di una contemporaneità già databile a un frangente ben preciso dei primi anni del Duemila, allorché un virus pestilenziale ha fatto di tutti noi degli isolazionisti.
Il disco è stato voluto con insistenza da Bellucci che, avendo ascoltato la produzione precedente di Uggeri, era rimasto affascinato dal suo modo di trattare la materia sonora. Così ha procurato alcune registrazioni di pianoforte che il poliedrico Matteo ha elaborato aggiungendo ritmi e melodie ricavati soprattutto dal trattamento di suoni materici. In tale definizione includo tutti quei rumori – voci, suoni ottenuti da strumenti acustici più o meno primitivi e registrazioni d’ambiente, che non sono sintetici. Senza soffermarsi sui singoli brani, la genesi di alcuni è ben delineata da Uggeri nel flyer citato sopra, si può racchiudere l’insieme del disco in quel mare magnum che avvolge nelle sue spire tutto un mondo: dalle melodie gotico-romantiche ai rumorismi dell'elettronica contemporanea (quella basata appunto sul trattamento dei suoni materici).
Una buona scoperta, per quanto riguarda Andrea Bellucci, e una sempre più piacevole conferma a proposito di Matteo Uggeri, uno dei musicisti che interpreta al meglio la figura dell’artista post-ivesiano e che riesce a dare il meglio di sé proprio in queste collaborazioni estemporanee (vedi anche “Does The Moon Not Dream” con Mourning Dove).

Prossimamente: “Transmutation Of Things” di MC Maguire; “Blue Horizon” di Richard B. Lewis; “Signals” di Lawson & Merrill; “Hide Nothing” // “Before Then” dei Tell No Lies //Tim Trevor-Briscoe, Szilárd Mezei & Nicola Guazzaloca; “Virus” dei Sonic Alliances; “Tempoo” dei Compani Extended & Voices; “Folk! Volume 1” // “Folk! Volume 2” di Roberto Fega; “Ilta” di Stefanie Abderhalden & Kyle Flens; “Spinifex Sings” degli Spinifex; “Arkinetics” di Dan Kurfirst; “Austin Meeting” di A Spirale / Makoto Oshiro / Takahiro Kawaguchi; “Shirwku” della Zebra Street Band; “Black Holes Are Hard To Find” di Frank Paul Schubert, Kazuhisa Uchihashi & Klaus Kugel; “Songs In Time Of Plague” di Alex Lubet …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/5/2023

`Mycelium´ // `The Asocial Telepathic Ensemble´  

`Trónco´  

`Kinesis´ // `Kinesis, Vol. 2´  

`Live At Pariser Platz´  

`Praznina / Emptiness´  

`Transient´ // `HerbstReise´  

`Sound In Time´  

`Due Mutabili´ // `Cadenza del Crepuscolo´  

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`The Quietest Of Whispers´  

`Ochotona Calls´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´