`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´

Autore disco:

Otok

Etichetta:

Le Fondeur De Son (F)

Link:

www.lefondeurdeson.com
yobabass.wixsite.com/yo
database.shareimpro.eu/en

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Kromagnon 2) Kabessita 3) Interlude 1 4) Elena’s Circle 5) Interlude 2 6) La Serenade de Nelson 7) Interlude 3 8) Afraid!!! 9) Interlude 4 10) Otok

Durata:

46:32

Con:

Hamza Touré, Thomas Zielinski, Yoram Rosilio, Julien Catherine

un mix di passionalità, cerebralità, tradizione jazz e sapori etnici

x mario biserni (no ©)

Meno di un anno è trascorso da quando, recensendo “Dawn Ceremony For Dreadful Days” dei Tikkun, mi sperticavo per incensare il poderoso contrabbassista Yoram Rosilio. Fra le altre cose che potevo scrivere a suo beneficio, e che non scrissi, ci sono le collaborazioni con Baba Andrew Lamb, Tristan Honsinger e Linda Sharrock. Nomi importanti della sperimentazione jazz, pare chiaro, e le influenze maggiori nella sua musica sembrano provenire proprio da quella great black music visionariamente promossa dall’Art Ensemble.
In questo nuovo gruppo guidato dal contrabbassista si respira tutta l’aria di libertà mutuata da tale tradizione, sia quando le strutture sono più spigolose sia quando la musica scorre con maggiore fluidità, sia nei passaggi più melodiosi sia nei momenti più orgiastici e convulsi.
Il disco è strutturato molto bene, con quattro miniature soliste a fare da interludio fra i sei brani suonati collettivamente. Questi ultimi portano tutti la firma di Rosilio, pure al loro interno trovano libertà di movimento tutti i componenti del quartetto, che tra l’altro ne fanno buon uso.
Catherine è un batterista vigoroso e rigoroso al tempo stesso. Zielinski mette insieme Marc Ribot e Noël Akchoté. Touré è torrido come un Archie Shepp d’annata e problematico come il miglior Julius Hemphill. Dall’insieme vien fuori una miscela in grado di fare scintille.
Le mie preferenze, in un disco che comunque si può gustare nel suo insieme, vanno all’incalzante crescendo di Elena’s Circle e alla micidiale sarabanda finale.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/10/2023

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´  

`Territory´ // `l’A Neuve´ // `Zeitweise Leichter Schneefall´  

`Hotel Colon´