`Transmitter´

Autore disco:

Ken Field

Etichetta:

Neuma Records (USA)

Link:

neumarecords.org/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2021

Titoli:

1) Transoceanic 2) Transcendental 3) Translucent 4) Transducer 5) Transgressive 6) Transparent

Durata:

46:04

Con:

Ken Field

loop 'n' sax

x mario biserni (no ©)

Il sassofonista Ken Field è uno di quei musicisti che operano in quel regno virtuale dislocato fra jazz, minimalismo, musica contemporanea, musica elettronica e musica elettroacustica. Non è un caso se il suo esordio discografico è avvenuto per la OODiscs di Joseph Celli (nell’anno 1996).
Quella di “Transmitter” è una musica fatta di loop creati in tempo reale, quindi con il probabile ausilio di una centralina, e com’è consuetudine per questo tipo di situazioni inizia con un singolo suono per andare pian piano a incicciarsi fino alla conclusione in saturazione oppure con un ritorno graduale allo stato di quiete iniziale.
La musica dei vari brani cerca di dare un senso sonoro al trans-qualcosa che la rappresenta, giocando per ciò su ritmo, melodia, trasparenza, vibrazioni, rumore e su strutture più o meno distese e più o meno imbrogliate.
È come poter vedere delle onde sonore che si avvicinano, si scontrano, si intrecciano, si sovrappongono e si allontanano manovrate da un burattinaio con il pieno controllo della situazione (idea ben rappresentata dall’immagine messa in copertina).
Il CD è stato editato e processato da una nostra vecchia conoscenza, Erdem Helvacioğlu, attualmente collaboratore in pianta piuttosto stabile della Neuma Records.
Un disco destinato specificamente agli amanti dei sax, dei loop e del post-mimalismo.

Prossimamente: Justinian Intonations” di Philip Blackburn; “Melancholia” // “Cure And Mound” di John Edwards & Dirk Serries // Anton Mobin & Martina Verhoeven; “Over The Ridge” di Richard Carr; “The Other Lies” di Tom Jackson & Colin Webster; “Medusa Dreaming” di Ros Bandt; “Avvolgistanti” di Luca Borgia; “2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino” dei Maisie; “In Vivo” degli Autopsia; “Katacombe Vol. 3” di Vari Autori; “Cabrioles cérébrale set accidents psychotiques” degli Otok; “Alpine Variations” // “Watering A Paper Flower” di Enrico Coniglio // Open To The Sea …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/3/2022

`Anna´  

`INCIDENTI – Lo schianto´ // `O´  

`In Her Words´  

`Paint Your Lips While Singing Your Favourite Pop Song´  

`Alpine Variations´ // `Watering A Paper Flower´  

`Promontory´  

`« … »´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Aterraterr´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

`Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´