`Beats The Plague´

Autore disco:

Spinifex

Etichetta:

Trytone (NL)

Link:

www.trytone.org
www.spinifexmusic.nl

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2021

Titoli:

1) 2) The voice of Dust And Trash 3) Fuck The Pest 4) Bageshri 5) Zoowiezoo 6) Four20 7) Sex & Pestilence 8) Sesler6 9) I’ll Call You In A Hundred Meters

Durata:

64:34

Con:

Tobias Klein, Bart Maris, John Dikeman, Jasper Stadhouders, Gonçalo Almeida, Philipp Moser

travolgente

x mario biserni (no ©)

Gli Spinifex sono un’autentica macchina da guerra e un titolo forte come “Beats The Plague” (Sconfiggere la pestilenza), che ha l’aspetto del diktat, appare quindi più che congruo. Assestatasi da qualche anno su questo sestetto, la band rappresenta ormai uno dei punti fermi della new wave of jazz, dei cui sviluppi alcuni membri degli Spinifex sono elementi trainanti (John Dikeman, Jasper Stadhouders e Gonçalo Almeida). Quindi potete sicuramente utilizzarli come punto di partenza per muovervi, seguendo le tracce dei suoi componenti, alla scoperta di tutto un universo parallelo (Universal Indians, Cactus Truck, Flat Earth Society, i-H8 Camera, Dalgoo, Albatre, Bulliphant, Cement Shoes, Dream & Drone Orchestra, Lama, The Attic, Block Ensemble, ENTR’ACTE, Made To Break, Holy Rollers, Mofaya! e Twenty One 4tet sono solo alcuni nomi di un elenco senza fine). Potete però anche prendere gli Spinifex quale punto d’arrivo. Ritroverete allora gli intrecci delle storiche sinfonie per improvvisatori, con la bolgia dei fiati sostenuta dai ritmi incalzanti, in strutture dove il riposo è peccato e dove non accade mai che nel vortice della battaglia gli strumentisti restino a corto di benzina. Non mancano i richiami a culture limitrofe soprattutto derivanti dal subcontinente indiano, com’è ormai tradizione dell’ensemble, che nell’occasione trovano sfogo soprattutto nella ripresa di un brano firmato Vidwan Madhurai N. Krishnan (Bageshri).
Date fiato alle trombe, quindi, battete i tamburi e sconfiggete la pestilenza.

Prossimamente: “Eris I Dysnomia” // “Ixtlahuaca” // “Box Of Black” di Jeff Surak // Orasique // Ypsmael; “Cirrus” di Manuel Mota; “Approximately Grids With A Plan” del Luca Perciballi Organic Gestures; “Saca Los Cuernos al Sol” di Ernesto Diaz-Infante; “Post Jazz Chamber Music” di Francesco Baiguera; “Totale!” di Totale!; “Fernweh” di Danilo Ligato; “Transmitter” di Ken Field; Justinian Intonations” di Philip Blackburn; “Melancholia” // “Cure And Mound” di John Edwards & Dirk Serries // Anton Mobin & Martina Verhoeven; “Over The Ridge” di Richard Carr; “The Other Lies” di Tom Jackson & Colin Webster; “Medusa Dreaming” di Ros Bandt …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/3/2022

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´