`Township Nocturne´

Autore disco:

The Lenox Brothers

Etichetta:

Amirani Records (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2021

Titoli:

1) Undescriptive 2) Stranded Stomp 3) The Meanwhile Groove 4) South Bay Drive / Bay Lanes 5) Insistent / Persistent 6) The Mesmerizing Speech 7) Township Nocturne 8) The Ride 9) A Waving Recall

Durata:

37:51

Con:

Gianni Mimmo, Pierpaolo Martino, Francesco Cusa

we wish you were here

x mario biserni (no ©)

In questo CD aleggia, come fosse cosa viva, lo spirito di Gianni Lenoci.
Sarebbe sufficiente la circostanza di una registrazione effettuata nello studio frequentato dal pianista pugliese, in quel di Monopoli, un anno e un giorno dopo la sua scomparsa per acquisirne coscienza.
Ma c’è delI’altro. I tre musicisti dediti alla lodevole iniziativa avevano tutti, in tempi diversi, collaborato con Lenoci, e così v’è un senso di giusta e condiscendente familiarità nell’essersi chiamati Lenox Brothers. E l’intento dei tre pare quello di omaggiare non tanto il musicista quanto il fratello scomparso. Così si indaga nei suoi interessi e nelle sue passioni extra-musicali, come quelle per il poliziesco e per la letteratura noir.
Il pianoforte in più occasioni utilizzato da Lenoci fa la sua presenza nello studio e assiste silente alle trame tessute da contrabbasso, sax soprano e batteria, in una musica che va a delinearsi quale musica dell’assenza. Un assenza che però, come ho scritto in apertura, in diversa forma è anche presenza. Quindi c’è tensione nell’aria, ed è palpabile perché si ripercuote nelle ance, nelle corde e nelle pelli, una tensione che va a riflettersi in un sound scarno, ma drogato di emotività, ed è come se lo spirito che aleggia possa materializzarsi all’improvviso ed entrare in gioco portandosi appresso un fragoroso applauso di complicità.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/12/2022

`Ornettiana´ // `Monk On Viola´  

`Zanshou Glance At The Tide´  

`OSSI – Album Su LP´  

`Quadrivium´  

`An Artist’s Life Manifesto´  

`Terrestrial Journeys´  

`Uragano´  

`Live at De Roze Tanker´ // `Left Side Right´  

`Tetrapylon´  

`Orchid Music´ // `Green Album´  

`333´  

`From Solstice To Equinox´ // `Starlight And Still Air Reworked´ // `Out Of Standard!! – Italia 11´  

`All The Way Down´  

`Twofold´ // `Made Out Of Sound´ // `Decameron´  

`Conjugate Regions´  

`Wells´  

`Spiralis Aurea´  

`Black Holes Are Hard To Find´  

`Níjar´  

`Songs in Time of Plague´  

`Austin Meeting´  

`Arkinetics´  

`Shirwku´  

`Le Jardin Sonore´ // `TMR´  

`Folk! Volume 1´ // `Folk! Volume 2´  

`Ilta´  

`Sings´  

`Tempoo´  

`After The Storm (complete recordings)´  

`Virus´  

`Blue Horizon´  

`Hide Nothing´ // `BeforeThen´  

`Signals´  

`You’re Either Standing Facing Me Or Next To Me´ // `Yurako´ // `My Lord Music, I Most Humbly Beg Your Indulgence In The Hope That You Will Do Me The Honour Of Permitting This Seed Called Keiji Haino To Be Planted Within You´  

`The Soundtrack Of Your Secrets´  

`Transmutation Of Things´  

`Run, The Darkness Will Come!´ // `Fetzen Fliegen´ // `Two Sides Of The Moon´  

`Double Exposure´  

`People And Places´  

`Landscapes And Lamentations´  

`The Living, The Dead, The Sleepers And The Insomniacs´  

`White Eyes´  

`Rainforest IV´  

`In Otherness Oneself´ // `Soothe My Soul, Feed My Thought´  

`Pan Project´  

`Territory´ // `l’A Neuve´ // `Zeitweise Leichter Schneefall´  

`Hotel Colon´