`Dawn Ceremony For Dreadful Days´

Autore disco:

Tikkun

Etichetta:

LFDS Records (F)

Link:

www.lefondeurdeson.com
www.lefondeurdeson.bandcamp.com
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2235
yobabass.wixsite.com/yo

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2021

Titoli:

1) Hachem 2) Onim Ve Omrim 3) Tov Lehodot 4) Kaddish 5) Brakhot 6) Shema 7) Amidah 8) Ygdal 9) Mi Aich

Durata:

58:17

Con:

Yoram Rosilio, Andrew Crocker, Jean-Michel Couchet, Florent Dupuit, Benoit Guenoun, Rafael Koerner

una scena che sorprende e affascina a ogni nuova uscita

x mario biserni (no ©)

Se, e ve lo consiglio vivamente, visitate il bel sito del contrabbassista Yoram Rosilio resterete stupefatti dal nugolo di attività che vedono coinvolto questo musicista. Oltre a essere fra i promotori dell’associazione “Le Fondeur de Son”, dell’etichetta discografica omonima e della rassegna “Sound Paris Improvisation Meeting Europa”, è a capo di vari progetti fra i quali un posto di rilievo è rivestito da questi Tikkun, qui al secondo disco dopo “The 24 Doors” del 2015, un sestetto con contrabbasso, batteria, tre ance e un ottone.
“Ceremony For Dreadful Days” è un disco ricco di sfumature, dove il free jazz va a stemperarsi in influenze klezmer, circensi e magrebine. All’inizio è un contrabbasso molto melodioso, alla Haden, che introduce un insieme molto Liberation Music Orchestra, fra dissonanze e melodie popolari strappacore. il tutto sfocia in una fantasia ayleriana, e sono questi gli elementi che si ripropongono, miscelandosi e scomponendosi, per tutto il CD, in una specie di “Bells” aggiornato, rivisto e corretto. Concedendosi, come in Ygdal, anche momenti di malcelata delicatezza poetica.
Una scena che sorprende a ogni nuova uscita e, in quanto tale, da seguire con attenzione.

Prossimamente: “Two Sing Too Swing” degli Sparkle In Grey; “WE3” dei WE3; “Solos And More At Studio 304” di Alex Riva; “Bureau” di Giulio Aldinucci & Matteo Uggeri; “Special Adaptations Volume 1” di Alex Levine: Special Adaptations …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/8/2021

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´