`Altbüron´

Autore disco:

The Workers

Etichetta:

Wide Ear (CH)

Link:

www.wideearrecords.ch

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Altbüron

Durata:

42:59

Con:

Alex Huber, Christian Weber, Omri Ziegele, Urs Leimgruber

the workers: il buon giorno che si vede dal mattino

x mario biserni (no ©)

In un range di età che va dai quasi 70 anni di Leimgruber ai 40 di Huber, con intervalli intermedi decennali, si capitalizzano esperienze che attraversano il pianeta musica per abbracciare altre forme espressive quali la poesia, la pittura, la scultura, l’architettura …. Il tutto espresso in una musica democratica al cui interno le quattro voci godono di pari diritti pur esprimendosi in modo difforme. Centralizzanti sembrano essere l’improvvisazione teutonica degli anni ’70, il free jazz di Ornette Coleman, le nuove forme dell’elettroacustica, i collage del dadaismo e le recite della beat generation. In antitesi con un’attitudine così globalizzante c’è una sola parola, “Altbüron”, a indicare la località delle registrazioni, il titolo del disco e quello della lunga improvvisazione che contiene. È il più giovane dei quattro che si sobbarca il massimo del lavoro: Alex Huber otre a suonare la batteria ha infatti registrato, mixato, masterizzato e prodotto il CD. La confezione è stata invece disegnata dal grafico svizzero Niklaus Troxler, organizzatore del celebre festival jazz di Willisau. Chissà se i quattro hanno idea di continuare o se questa è una semplice alzata di scudi estemporanea. Confidiamo in un prosieguo, alla luce dell’ottima qualità lasciata intravedere da questi primi vagiti.

Prossimamente: “Microstorie” degli St.ride; “Sleeping Beauty” del Srdjan Ivanovic Blazin’ Quartet; “Dawn Ceremony For Dreadful Days” dei Tikkun; “Two Sing Too Swing” degli Sparkle In Grey; “WE3” dei WE3; “Solos And More At Studio 304” di Alex Riva; “Bureau” di Giulio Aldinucci & Matteo Uggeri; “Special Adaptations Volume 1” di Alex Levine: Special Adaptations; “Absum” di Osvaldo Coluccino; “Nothing” di Gianni Lenoci & Franco Degrassi …


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/8/2021

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´