`Schwingende Luftsäulen 3´

Autore disco:

Werner Durand

Etichetta:

ANTS (I)

Link:

www.antsrecords.com
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2125
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2246

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Still Another Ocean 2) M-Ocean 3) Pearldivers 4) The Krems Five 5) Another Still Ocean

Durata:

61:06

Con:

Werner Durand, Marika Falk

non c'è due senza tre

x mario biserni (no ©)

Siamo al cospetto di una folgorante trilogia che aveva preso avvio nel 2017, si era consolidata nel 2019 e giunge ora al traguardo finale, sempre per merito della ANTS di Giovanni Antognozzi. Anche in questa terza parte i riferimenti musicali restano legati alla musica minimalista, indorata con pillole terzo-quartomondiste. Lo strumento utilizzato è sempre il Pan-Ney, uno strumento di sua costruzione, il cui suono, come già accadeva nel primo volume, viene effettato tramite un delay digitale. Come detto si tratta di una musica minimalista, ma non immobile, e in questo terzo capitolo si sviluppa in senso più ritmico rispetto ai lavori precedenti, e non è quindi casuale la presenza in un brano, Pearldivers per l’esattezza, di Marika Falk con il kalangu, a interrompere l’altrimenti maratona solitaria di Durand (intorno alle tre ore di musica nell’arco dei tre CD).
“Schwingende Luftsäulen 3” Un disco da acquistare e, nel caso non aveste i primi due volumi, consiglio vivamente un unico pacchetto con tutta la trilogia.
Tanto di cappello per questo artigiano che pone un piccolo freno alla massificazione dilagante. A voi fare in modo che simili martinicche abbiano una loro pur minima efficacia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/4/2022

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´