`Electric Music´

Autore disco:

John White

Etichetta:

ANTS (I)

Link:

www.antsrecords.com
www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=2211

Formato:

2CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) The Merry Samurai`s Return From Work 2) Idleburger Salsa 3) Nintentions 1 4) Singles Bar 5) Fluter's Tango 6) Nintentions 2 7) Boschwalzer 8) 11th Symphony / 1) Breakfast at the Academy of Martial Arts 2) Trent's Theme (from "The Assignment") 3) Nintentions 3 4) Blues Theme (from "The Assignment") 5) Russian Tea Room (from "The Assignment") 6) Nintentions 4 7) Tyrolean Apres-Ski Muzak 8) Ricercar 9) Nintentions 5 10) 16th Symphony 11) Sitcom Theme (from "A Piece Of My Mind")

Durata:

70:23 / 63:15

Con:

John White

un paradigma del presente

x mario biserni (no ©)

Mi piacerebbe dire di questo disco che è un disco di musica contemporanea seppure, così facendo, di certo genererei una serie di incomprensioni a non finire. E allora dovrei specificare che con musica contemporanea non intendo quel genere musicale così categorizzato (quello dei Berio, dei Nono, degli Xenakis e degli Stockhausen), e neppure quella musica concepita e realizzata al presente (ascoltabile a iosa in qualsiasi canale televisivo o trasmissione radio). Con musica contemporanea voglio intendere una musica fatta di suoni contemporanei, che inquadra e contraddistingue il momento storico che stiamo vivendo, cosiccome lo fanno il telefonino, i social e matteorenzi.
Eppure si tratta di un musicista che viene da lontano, con pubblicazioni all`attivo già dagli anni Sessanta e poi approdato, dalla fine del decennio successivo, alla corte della Obscure di Brian Eno, che aveva in catalogo nomi di pasta fine come lo stesso Eno, Gavin Bryars, David Toop, Max Eastley, Michael Nyman e altri campioni della cosiddetta avanguardia inglese. Ma White pare distanziarsi da quei compagni di squadra.
Questi flash risalgono a un quindicennale racchiuso fra il 1980 e il 1995 e mostrano una logica tutta loro.
Flash, ho scritto, e tali sono anche quando nella loro pretesa, e non concessa, condizione di sinfonia si dilungano ben oltre i dieci minuti (trentotto l`11th).
Ma forse sarebbe meglio definirli giochi, e proprio questa loro natura ludica ne determina la modernità . In un`epoca in cui sembra che tutto venga annullato per ripartire da zero questa specie di primitivismo elettronico suona come fosse il primo passo giocoso del bimbo novo, cibatosi per l`appunto a social, selfie e sms.
Se fossimo stati alla fine dell`Ottocento forse White avrebbe seguito Gauguin verso un`isola selvaggia. Oggi che di tali isole non ce n`è più non ci resta che liberare la fantasia verso lo spazio. Chiudete gli occhi e abbandonatevi a questa musica in una immaginifica passeggiata sul suolo marziano.

Prossimamente: “Jin Brebl - Concert” dei Cycle; “37Fern” dei 37Fern; “Haerae” di Andreas Willers; “Blonk, Mallozzi & Vandermark” di Jaap Blonk, Lou Mallozzi & Ken Vandermark; “Different Roots” di Rodrigo Faina And Change Ensemble; “Spoken” di Gijs Levelt; “The Complete Yale Concert, 1966” di Milford Graves & Don Pullen; “A Few Steps Beyond” di Gianni Lenoci ...


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/3/2021

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´