`Ritual For Expansion´

Autore disco:

Magliocchi, Metcalfe & Wacrenier

Etichetta:

Le Fondeur de Son (F)

Link:

lefondeurdeson.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Ritual Before And After The Rain 2) Ritual For Expansion On The Wing Of A Song In 9/8 3) The Flight Of Breaths And Voices 4) Interlude Before Dawn 5) Ritual Of The Unknown

Durata:

39:31

Con:

Marcello Magliocchi, Neil Metcalfe, Paul Wacrenier

l`africa riscritta

x mario biserni (no ©)

Registrato nel Settembre 2018 in Austria, a Heiligenkreuz im Lafnitztal, “Ritual For Expansion” è un CD d`improvvisazione libera inscenata da un trio italo-franco-inglese composto dal batterista Marcello Magliocchi, dal pianista Paul Wacrenier e dal flautista Neil Metcalfe. L`interazione fra i tre sembra avere come massimi punti di riferimento la tradizione del jazz tedesco, la tradizione del jazz inglese (quello influenzato dalla presenza dei transfughi sudafricani) e la tradizione di quella musica afroamericana che negli anni Settanta venne definita come jazz dei loft. Pensate un po` a un ipotetico trio con Paul Lovens alla batteria, Keith Tippett al pianoforte e Julius Hemphill al flauto. Vagamente, perchè dagli anni Settanta di tempo ne è passato, varie tenzoni si sono susseguite e i tre componenti di questo trio hanno una loro prorompente personalità che tutto deve e nulla deve ai maestri del passato. La maschera in copertina, il titolo e l`utilizzo di uno strumento come la Mbira, da parte di Wacrenier, sono tutti elementi che fanno pensare a una forte influenza di Madre Africa. E, in effetti, tale influenza è ben presente. Ma è sminuzzata dai tre, filtrata attraverso un`attitudine tipicamente ascrivibile al fai da te e all`artigianato musicale fin de siècle.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/2/2022

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´