`Sketches For Violin And Vinyl´

Autore disco:

Ayumi Paul & Achim Mohné

Etichetta:

Evil Rabbit Records (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Permutation 2) Nutation 3) Refraction 4) Superposition 5) Precession

Durata:

56:17

Con:

Ayumi Paul, Achim Mohné

collisione di mondi lontani

mario biserni (no ©)

Il violino è uno strumento che sa d`antico. Qualcosa come 500 anni, la sua è un`età da autentico matusalemme. In un'epoca nella quale la vita delle cose equivale a quella di una farfalla il violino è un oggetto quasi inaccettabile. Il vinile, viceversa, è cosa recente, e ancor più recente è l`idea di utilizzarlo non solo come mezzo per riprodurre della musica ma anche come strumento per creare della musica. Questo duetto fra una violinista e un manipolatore di vinili potrà quindi apparire sia come un`assoluta novità sia come qualcosa di estremamente vecchio e ormai superato, dipende un po` dal punto di osservazione. Ai più sembrerà comunque incongruo. Dal mio punto di vista, seppure non rappresenti un`assoluta novità , “Sketches For Violin And Vinyl” è un disco comunque fresco e affascinante. Achim Mohnè non usa i vinili per fare della plunderfonia, bensì si avvale di scricchiolii, fruscii, ticchettii e quant`altro, ottenuti in contemporanea su tre giradischi (i classici loop del fine disco), per creare tappeti ritmici sghembi coi quali Ayumi Paul instaura un dialogo utilizzando il violino, e a tratti la voce, sfuggendo alla logica di un fraseggio neoclassicista. Lo sforzo maggiore sembra venir fatto proprio dalla violinista, nel tentativo di far convivere uno strumento così antico con una contemporaneità futurista e rumorista, e devo dire che in tal senso il risultato è assai stimolante. La musica del CD, improvvisata nel corso di una singola giornata in uno studio di Colonia, non soffre certo l`handicap del già sentito, e ciò mi basta.

Prossimi top: “La chiamata” della Deadburger Factory; “Live” // “An Evening In Houston” di Patty Waters; “Kavel” degli Oorbeek ...


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/1/2021

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´