`Vocabularies´

Autore disco:

Meinrad Kneer

Etichetta:

Evil Rabbit (NL)

Link:

www.evilrabbitrecords.eu

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Sternensaus 2) Short Story I 3) Mixed Media 4) Die Auseinandersetzung 5) Sketch I 6) Des Nächtens 7) Sketch II 8) Short Story II 9) Musik Für Schmetterlinge 10) Sketch III 11) Short Story III 12) Navigation Spatiale 13) Music For Bumble Bees

Durata:

47:23

Con:

Meinrad Kneer

l`arte del contrabbasso

x mario biserni (no ©)

Il contrabbassista tedesco Meinrad Kneer è, in combutta con il pianista olandese Albert Van Veenendaal, fondatore e titolare del marchio discografico Evil Rabbit Records (coniglio maligno, nomignolo contradditorio come potrebbero esserlo bradipo veloce o vigogna carnivora), una delle case discografiche che si va maggiormente distinguendo in ambito di new wave del jazz e le cui produzioni sono individuabili a colpo d`occhio per il look sobrio e personalizzante.
Dopo una manciata di dischi in collaborazione con altri strumentisti - su Try Tone, Creative Sources e, il maggior numero, proprio su Evil Rabbit - Kneer approda al disco per solo contrabbasso. Immagino già , a questo punto, la vostra reazione ... «un altro disco di solo contrabbasso, che due maroni, ne esistono già di cotti e di crudi». L`osservazione avrebbe una sua logica, se ... ma non verrebbe fatta a proposito di un disco di solo pianoforte o di solo chitarra, e a tal punto questa logica vien a cadere. Bisogna anche tener conto del fatto che Meinrad naviga sulla cinquantina e “Vocabularies” è il suo primo disco in solitudine, laddove succede che pivellini di ben più scarsa esperienza si cimentano senza problema alcuno con la prova in solitudine. Con ciò non voglio dire che questo disco abbia caratteristiche di assoluta originalità o che si tratti di un`opera innovativa, indubbio è il debito da pagare nei confronti del grande Peter Kowald, pur tuttavia Kneer possiede un proprio mood artistico non proprio specifico ma comunque sufficientemente identificativo. Fra le sue caratteristiche un non comune senso melodico, come nello splendido notturno Des Nächtens, e il tentativo di sfuggire all`astrazione tipica di molti suoi colleghi (soprattutto in ambito free), come nel delicato svolazzare di Musik Für Schmetterlinge o nelle altrettanto significative Navigation Spatiale e Music For Bumble Bees. Forse sta proprio in ciò la sua caratteristica principale, nel voler dare un senso concreto alla propria musica.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/9/2021

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´