`Colmorto´

Autore disco:

Colmorto

Etichetta:

Torto Editions (I)

Link:

www.torto.biz

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Platformer 2) Polpo 3) Chewing Coffee 4) Elsewhile 5) Canaveral 6) Incisivo 7) Skinthink 8) Inkless Tattoo 9) Wallpuncher 10) Swim

Durata:

47:00

Con:

Mario De Simoni, Stefano Scarella, Joel Cathcart

raffnatezze col morto

x mario biserni (no ©)

Jazz elettrico, jazz-rock o una delle tante facce del progressive che dir si voglia, unito al fatto che a utilizzare la voce è il batterista fa venire in mente gli indimenticabili Soft Machine di “Volume Two”. Potere della suggestione, chè poi nei Softies a viaggiare sopra le tessiture di basso e batteria c`era una tastiera mentre qui c`è la chitarra. E poi quello che illuminava il gruppo di Hopper era un ben più elevato grado di follia, seppure in fantasia, agilità e savoir-faire i Colmorto non raccolgano affatto un punteggio inferiore. Sullo sfondo par di cogliere poi un amore per le musiche da film e per certe soluzioni ambient. Gioia e rivoluzione, come avrebbero detto altri capisaldi, per un disco senz`altro consigliabile. Il problema è piuttosto nello stabilire a chi? Sicuramente a chi apprezza le suggestioni descritte, tenendo conto che si tratta di una musica per un buon 70 % strumentale, con la voce che si produce in vocalizzi senza declamare testi, e con tutti i pregi e i difetti insito a queste musiche di frontiera. Fra i difetti imputabili ai Colmorto il non essere circoscrivibili in un genere musicale specifico, ma questo potrebbe essere anche un pregio, e il privilegiare l`aspetto tecnico rispetto a quello emotivo.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/9/2021

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´