`The Last Five Minute´

Autore disco:

Alberto Carozzi & Matteo Uggeri

Etichetta:

Grey Sparkle, Dethector, Stella*Nera (I)

Link:

www.greysparkle.com
dethector.wordpress.com
www.anarca-bolo.ch

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) The Last Five Minutes 2) The Last Four Minutes 3) The Last Three Minutes 4) The Last Two Minutes 5) This Last Minute

Durata:

41:02

Con:

Alberto Carozzi, Matteo Uggeri, Nora Uggeri, Olivia Uggeri

un disco inaspettato e, proprio per questo, ancor più prezioso

x mario biserni (no ©)

Sembrano esserci più stimoli dietro la nascita di questo disco. In primo luogo il suggerimento dato da Marco Pandin di Stella Nera che, colpito da una lunga coda di feedback chitarristici in chiusura di un concerto, ha invitato il Carozzi a lavorarci sopra. In secondo luogo l`amicizia di Albero Carozzi con Matteo Uggeri, derivante da anni di collaborazione negli Sparkle In Grey, amicizia che ha portato quest`ultimo a lavorare a distanza sulle registrazioni, aggiungendo anche del suo in termini di suoni vari. In terzo luogo l`ambiente familiare dell`Uggeri, al cui interno probabilmente non si respira ossigeno ma musica, che ha portato al progetto altra linfa nella figura delle figliolette di due e cinque anni. Prima di tutto, però, viene Alberto Carozzi, con la sua chitarra e il suo interesse nella musica improvvisata. Tant`è che mi resta difficile non attribuirgli il disco al 70-80%, anche perchè è comunque sua la scintilla iniziale.
Se tali sono gli stimoli, il risultato appare tutt`altro che scontato e deciso a priori e appare come una miscela di psichedelia cosmica e paesaggismo sonoro, con sfondi ritmico-ritualistici, che sembra racchiudere in se i feedback di Gabor Sazbo, il minimalismo di LaMonte Young, le sinfonie di Glenn Branca, l`industrial tribale dei Test Dept, gli ambienti sonori quartomondisti di Jon Hassell e le family sessions dei Red Crayola. Tutto ciò, naturalmente, esclusivamente da un punto di vista teoretico, chè “The Last Five Minute” ha una vita, una storia e una personalità tutte sue. Un disco inaspettato e, proprio per questo, ancor più prezioso. Godetevelo, oh gente ignara e sfiduciata.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/7/2021

`Aterraterr´  

`Katacombe Vol. 3´  

`In Vivo´  

`Eight Pieces For The Buchla 100 Series´  

`Cabrioles cérébrale et accidents psychotiques´  

`2013 – 2021 dal diario di Luigi La Rocca, Cittadino´  

`A Secret Code´ // `Echolocation´  

`Avvolgistanti´  

`Elements´  

`Blues Pour Boris´  

`The Other Lies´  

`Kora´  

`Over The Ridge´  

`Nut´  

`Medusa Dreaming´  

`Melancholia´ // `Cure And Mound´  

`Justinian Intonations´  

`Transmitter´  

`Fernweh´  

`Totale!´  

`Post Jazz Chamber Music´  

`Pulsioni Oblique Vol. 2´ // `Hardboiled´  

`Cirrus´  

`Saca Los Cuernos al Sol´  

`Approximately Grids With A Plan´  

`Eris I Dysnomia´ // Ixtlahuaca´ // ‘Box Of Black´  

`Beats The Plague´  

`Parallelism´  

`Mother Afrika´  

`Non Dweller´ // `Erosion´  

`Music For A Different Room´  

`Thrīe Thrēo Drī ´  

`Reverse Drift / Reverse Charge´  

`An Established Color And Cunning´  

`Postcard From A Trauma´  

`Notturno´  

‘Nova esperanto (l’album perduto del 2006)´  

`Duo Sutera Novali´  

`Absum´  

`Convex Mirrors´  

`Township Nocturne´  

`Let It Fall´// `Does The Moon Not Dream´  

`Special Adaptations Volume 1´  

`Kranenburg Tree´  

`Nothing´  

`Subtle Matters´  

`WE3´  

`Solos And More At Studio 304´  

`Bureau´  

`Dawn Ceremony For Dreadful Days´  

`Der Verboten´  

`Two Sing Too Swing´ // `Two Creams Too Scream´  

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´