`Rumpus Room´

Autore disco:

Luca Collivasone & Gianni Mimmo

Etichetta:

Amirani (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2020

Titoli:

1) Township Ecstasies 2) Whirling Semà 3) Swooning Benefit 4) As You Certainly Know 5) Nattmara 6) Severe 7) Beyond Turbulence 8) Longing Of A Dragonfly

Durata:

31:31

Con:

Luca Collivasone, Gianni Mimmo

ai vertici della New Wave of Jazz

x mario biserni (no ©)

Non sembra essere il momento migliore per pubblicare la recensione di questo disco madornale. Il caldo, le ferie, il ritorno del covid, tutto sembra complottare per distogliere l`attenzione dei potenziali lettori. D`altronde non potevo rinviare ulteriormente, dato che è ormai da diverso tempo che “Rumpus Room” mi occhieggia da sopra la scrivania.
L`incontro fra il sax soprano di Gianni Mimmo e l`intonarumori di Luca Collivasone possiede tutti i crismi del disco epocale.
Collivasone può essere definito un novellino, è relativamente poco consistente la sua presenza nel mondo discografico, pure affronta quest`avventura con il piglio del musicista ultranavigato. Nello stesso momento presenta però il gusto effervescente dei frutti di nuova maturazione, dovuto al fatto che è un neofita pure in relazione a una collaborazione di questo tipo.
Gianni Mimmo, diversamente, è un musicista con alle spalle una considerevole discografia, un numero elevato di concerti e una rete diffusa di collaborazioni. La sua popolarità travalica ormai da tempo i confini nazionale e, in primo luogo, non è nuovo a simili escursioni fuori dal seminato (da intendere come in terra incolta, e quindi con un significato estremamente positivo). Voglio qui ricordare, a tal proposito, le collaborazioni con Xabier Iriondo. Il confronto con il cacophonator di Collivasone rappresenta per lui, comunque e nonostante ciò, un`esperienza nuova particolarmente stimolante. Oserei dire che “Rumpus Room” è per Mimmo quello che per Anthony Braxton era stato il “Time Zones” con Richard Teitelbaum.
L`approccio melodioso al rumore dell`uno e l`approccio lievemente dissonante alla melodia dell`atro trovano in questi appunti un punto d`incontro in perfetto equilibrio.
Sorprendente. Dischi come questo riconciliano con il piacere di ascoltare la musica.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/7/2021

`Monólogos a Dois´ // `Solo Acoustic Guitar Improvisations I´  

`Jar’a´  

`Altbüron´  

`Microstorie´  

`Sleeping Beauty´  

`A Few Steps Beyond´  

`Thing Music´  

`Zacharya´  

`I.´ // `Lonely Hymns And Pillars Of Emptibess´  

`Spoken´  

`The Complete Yale Concert, 1966´  

`Aforismen Aforisme Aforismes´  

`Blonk, Mallozzi & Vandermark´  

`Different Roots´  

`Schwingende Luftsäulen 3´  

`Beats´ // `Phylum´  

`Derivatives’ // `Haerae´  

`Room For The Moon´ // `Гибкий график´  

`Electric Music´  

`Jin-Brebl-Concert´  

`Kavel´  

`Libertè Égalitè Fraternité´  

`La signora Marron´  

`Live´ // `An Evening In Houston´  

`Archytas Curve´  

`Oltre il cielo alberato´  

`Alimurgia´  

`La Chiamata´  

`Ritual For Expansion´  

`Sketches For Violin And Vinyl´  

`Isopleths´  

`Take The Long Way Home´  

`Strell´  

`Music For Organ´  

`Brittle Feebling´  

`Materia´ // `Triptych (Tautological)´  

`Uncle Faust´  

`Frankenstein´  

`Beyond The Tranceries´  

`Don`t Worry Be Happy´  

`Infected Burst´  

`Tracce XX´  

`Spime 2019´  

`The Hovering´  

`Canto Fermo´  

`Anasyrma´  

`Live´  

`Colmorto´  

`Vocabularies´  

`Blue Horizon´  

`Namatoulee´  

`Passato, presente, nessun futuro´  

`Liquid Identities´  

`Out For Stars´  

`Collera City´